Bocchino attacca Berlusconi: ''Non può usare simbolo Pdl''

Bocchino attacca Berlusconi: ''Non può usare simbolo Pdl''

Bocchino attacca Berlusconi: ''Non può usare simbolo Pdl''

ROMA – Silvio Berlusconi non può utilizzare il nome e il simbolo del Pdl poiché in comproprietà con l’ex alleato Gianfranco Fini. Lo ha evidenziato il capogruppo di Futuro e Libertà Italo Bocchino attraverso una nota. "Bocchino non e' nessuno per imporre a Berlusconi dei diktat. Fini controlli il suo maldestro portavoce che lo sta spingendo verso una veloce rovina politica", ha replicato il senatore Francesco Casoli, vicecapogruppo del Pdl a palazzo Madama.

 

Bocchino ha alzato i toni. "Dicono anche che nella conferenza stampa tenuta due giorni fa a Lisbona Berlusconi si sia fatto sfuggire che vuole scendere in campo definendosi 'il vero centrodestra’ – ha scritto in una nota Bocchino -. Per evitargli problemi giudiziari, che purtroppo non gli mancano - sottolinea -, gli comunichiamo che dal 17 maggio scorso 'il vero centrodestra' è stato registrato da noi all'ufficio marchi e brevetti di Roma. Una ragione in più che prova che il suo non sarà il vero centrodestra italiano".

Quindi il capogruppo di Fli ha spostato l'attenzione sul futuro dell’esecutivo in vista del passaggio parlamentare del 14 dicembre: “Se Berlusconi ama l'Italia deve prendere atto della situazione e aprire una nuova stagione, così come gli ha chiesto Fini, ma sappiamo purtroppo che questo amore per la Nazione in lui è soffocato dall'odio verso chi si permette di contraddirlo".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -