Bombardamenti in Libia, Maroni: ''Berlusconi ci ha sorpreso''

Bombardamenti in Libia, Maroni: ''Berlusconi ci ha sorpreso''

Bombardamenti in Libia, Maroni: ''Berlusconi ci ha sorpreso''

ROMA - La frattura tra Lega e Silvio Berlusconi dopo la decisione del premier di autorizzare i bombardamenti sulla Libia non si è ricomposta. Il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, si è detto sorpreso dalla decisione del Cavaliere "perché nell'ultimo Consiglio dei ministri era contrario. Noi non cambiano idea da un giorno all'altro. I bombardamenti intelligenti, per definizione, non esistono". Per Maroni è "inevitabile che ci sia un passaggio parlamentare".

 

"Lo chiede l'opposizione, noi non siamo contrari - ha evidenziato -. Ho parlato con Bossi: la linea della Lega sulla questione della Libia non cambia, ed è quella espressa dal segretario e riportata dalla Padania". Il ministro dell'Interno esclude una crisi di governo: "E' in pericolo solo se non fa quello che deve fare". Il contrasto con la Lega "attiene a Berlusconi e non ai singoli ministri", ha tagliato corto il ministro della Difesa, Ignazio La Russa.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -