Bossi attacca la Spagna: "Sono loro i primi a sparare agli immigrati"

Bossi attacca la Spagna: "Sono loro i primi a sparare agli immigrati"

Bossi attacca la Spagna: "Sono loro i primi a sparare agli immigrati"

Gli spagnoli sono i primi a sparare agli immigrati. Sono le parole del leader di Lega Nord e ministro per le Riforme, Umberto Bossi. "Gli spagnoli sono i primi a sparare sugli immigrati. Noi invece li abbiamo già qui e abbiamo il problema inverso: metterli fuori", ha detto il Senatur da Varese, dove assieme al ministro dell'Interno Roberto Maroni, ha partecipato alla festa per 156esimo anniversario della Polizia di Stato, dopo le accuse di xenofobia della Spagna.

 

Maroni tenta di placare la polemica, e afferma: . "Mi pare che le incaute dichiarazioni del vicepremier siano state smentite dal premier Zapatero, quindi l'incidente è chiuso per quanto ci riguarda". In realtà è lo stesso Bossi a mantenere viva la polemica, accusando la Spagna.

 

Il Ministro per le Riforme ha parlato anche degli episodi di intolleranza di Napoli, dove alcuni cittadini hanno aggredito un campo nomadi. Il senatur ha indirettamente ‘giustificato' quella spedizione. "'Se lo Stato non fa il suo dovere, lo fa la gente. La gente dopo un po' si rompe le scatole e quindi reagisce".

 

Sul tema interviene anche il ministro della Difesa, Ignazio La Russa. "Non bisogna sgomberare l'Italia dai rom - afferma l'esponente di An - ma dall'illegalità emanata dai campi dove vivono. Bisogna poter espellere anche i cittadini europei se non dimostrano di cosa vivono".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Russa ha anche precisato che ''non c'è nessuna valutazione definitiva da parte del governo sull'uso dell'esercito. C'è stata solo una mia proposta di ampliare il ricorso al poliziotto o al carabiniere di quartiere".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -