Bossi: "L'inno di Mameli? Preferisco la canzone del Piave..."

Bossi: "L'inno di Mameli? Preferisco la canzone del Piave..."

Bossi: "L'inno di Mameli? Preferisco la canzone del Piave..."

Di chiedere scusa il ministro per le Riforme, Umberto Bossi, non sembra proprio intenzionato. Anzi, interpellato dall'agenzia di stampa Ansa, il ‘senatùr' rilancia la propria posizione contro l'inno di Mameli.

 

"A me l'Inno di Mameli non è mai piaciuto, fin dai tempi della scuola, preferisco la canzone del Piave...quella che fa 'Il Piave mormorava calmo e placido...'", afferma il leader della Lega Nord, che nonostante le numerose critiche ricevute dopo le frasi e i gesti manifestati al congresso della Liga Veneta non è affatto intenzionato a scusarsi.

 

"Adesso sono tutti pronti a saltar su una cosa così - osserva il leader padano -, detta davanti ad una platea come quella veneta che è calda, nella concitazione del momento. Ma Certamente e me l'inno di Mameli non piace. Il poeta usò questa frase, schiava di Roma che non ho mai sopportato...il problema é sul contenuto, non sull'inno in quanto inno d'Italia. Proprio non mi piacciono le parole dell'inno e l'ho sempre detto".

 

Bossi all'Ansa confessa di non sopportare "quella parola... schiava". "Noi siamo per abolirla la schiavitù in ogni sua accezione - osserva il leader del Carroccio -. E così ho anche detto che il nord, la Lombardia, il Veneto mica possono essere schiavi di qualcuno".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E allora perché non usare come inno quella canzone del Piave che mi ha sempre commosso? - dice Bossi - Quella è popolare, trascinante, somiglia, come intonazione e come senso patriottico, alla Marsigliese".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -