Bossi: ''Berlusconi? Gli abbiamo dato uno scadenziario''

Bossi: ''Berlusconi? Gli abbiamo dato uno scadenziario''

Bossi: ''Berlusconi? Gli abbiamo dato uno scadenziario''

ROMA - Nessuna marcia indietro della Lega sul trasferimento di alcuni ministeri al nord dopo l'accordo raggiunto in nottata con Pdl e Responsabili. "È necessario - ha detto il ministro per le Riforme, Umberto Bossi -. Non portiamo via posti di lavoro". Quanto alla contrarietà manifestata del sindaco di Roma Gianni Alemanno e della presidente del Lazio Renati Polverini, Bossi ha replicato che "anche noi abbiamo raccolto le firme. E' possibile che in settimana diventino 100mila".

 

Alla domanda se sarà ancora Silvio Berlusconi il candidato premier del centrodestra nel 2013, Bossi non ha chiuso a questa evenienza. "Se fa le cose sì - ha evidenziato il Senatur -. Gli abbiamo già dato uno scadenziario". Un altro tema caro alla Lega è la guerra in Libia. Il Carroccio vorrebbe una data certa da parte dell'esecutivo per il disimpegno dall'alleanza contro il rais Muammar Gheddafi. "Quando finiscono i soldi, finisce la guerra", è stato lapidario Bossi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -