Bufera su 'Annozero', il ministro Romani chiede l'intervento dell'Agcom

Bufera su 'Annozero', il ministro Romani chiede l'intervento dell'Agcom

Bufera su 'Annozero', il ministro Romani chiede l'intervento dell'Agcom

ROMA - "Annozero" nel pieno della bufera politica. Il ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, ha scritto al presidente dell'Autorità garante per le comunicazioni, Corrado Calabrò, lamentando violazioni da parte del giornalista agli obblighi derivanti dal contratto di servizio. L'intervento di Romani segue quello del direttore generale della Rai, Mauro Masi, che in diretta tv ha detto al conduttore Michele Santoro di dissociarsi dal contenuto del programma.

 

Il ministro dello Sviluppo Economico ha evidenziato che nelle puntate di ‘Annozero' del 20 e 27 gennaio (dedicate all'inchiesta della Procura di Milano che vede indagato il premier Silvio Berlusconi con le accuse di concussione e prostituzione minorile) è stato dato "ampio rilievo ad affermazioni di carattere gratuito, denigratorio e gravemente lesive della dignità e del decoro di eminenti personalità politiche, che sarebbero state proferite da soggetti coinvolti nell'attività di indagine da parte della magistratura requirente".

 

All'indomani dell'intervento telefonico è tornato a parlare Masi, ricordando che Santoro "è presente nel palinsesto Rai non per una libera scelta editoriale ma in forza di due sentenze, come tutti ben sanno molto peculiari, dei giudici del lavoro per cui è evidente che una dissociazione a tutela dell'Azienda non può non avvenire nella forma più esplicita".

 

Nel frattempo il giornalista ha annunciato una mobilitazione il 13 febbraio davanti al tribunale di Milano "in difesa dell'indipendenza della magistratura, della democrazia e dei valori nati dalla resistenza".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -