Bush incontra Berlusconi: "Sintonia totale"

Bush incontra Berlusconi: "Sintonia totale"

Bush incontra Berlusconi: "Sintonia totale"

"Sintonia totale". Silvio Berlusconi non risparmia eccessi nel giudicare l'incontro con il presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, e i rapporti tra Italia e Usa. Per il Cavaliere l'America è "un alleato con cui abbiamo potuto stringere rapporti che non sono mai stati così eccellenti". Bush viene definito dal premier italiano come un "amico mio personale e grande amico dell'Italia". Berlusconi ha ricordato l'impegno degli Usa "per la difesa di democrazia e libertà".

 

Un impegno che trova la condivisione dell'Italia, ha spiegato Berlusconi, che si trova in "sintonia totale" con l'amico George sul tema dell'impegno in favore del ristabilimento della democrazia nelle aree instabili del mondo, come dimostrato "dal nostro impegno in Afghanistan, Kosovo e Libano".

 

Il presidente Bush ha voluto esprimere "grande apprezzamento" per gli impegni assunti in politica estera dell'Italia e ha sottolineato che il nostro paese "sta rispettando gli impegni internazionali che si è assunta nei punti caldi del mondo". Bush ha posto l'accento sul fatto che "il governo italiano ha comunicato al Parlamento che i caveat sono stati rimossi per l'Afghanistan".

 

Sull'ingresso dell'Italia nel gruppetto di paesi che stanno negoziando con l'Iran sul tema del nucleare, Bush ha ammesso di  ''avere parlato del '5+1' e io ho detto al premier che sto considerando seriamente questa situazione. Che si tratti del '5+1' o meno bisogna dare questo messaggio agli iraniani: sospendere il programma di arricchimento dell'uranio altrimenti ci saranno altre sanzioni e l'isolamento".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -