Camera, Fini presidente: ''XVI legislatura sia costituente''

Camera, Fini presidente: ''XVI legislatura sia costituente''

Gianfranco Fini è il nuovo presidente della Camera. Il numero uno di An è stato eletto alla quarta votazione con 335 preferenze su 611 votanti. A leggere ogni scheda è stato Pierluigi Castagnetti, in qualità di presidente temporaneo della Camera. Alla proclamazione di Fini tutti i deputati della Pdl, ma gli esponenti dell'opposizione, hanno battuto a lungo le mani. "E' un onere dei deputati dimostrare che non sono casta". Ha dichiarato il neopresidente della Camera.

 

Lo devono fare, ha spiegato "con la forza incontrovertibile dei fatti" per contrastare "il rischio di disaffezione e disistima". Dal neo presidente della Camera un elogio del 25 aprile e del primo maggio, giornate  che "devono essere condivise da tutto il popolo italiano".

 

Nel suo discorso di insediamento Fini ha rivolto un "doveroso e sincero" saluto al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, un pensiero al neo eletto presidente del Senato Renato Schifani ed un omaggio a Benedetto XVI. "La XVI - ha auspicato il neo presidente della Camera - dovrà essere davvero una legislatura Costituente".

 

Religione cristiana fondamentale per identità patria. "La laicità delle istituzioni e' principio irrinunciabile della nostra come di ogni moderna democrazia. - ha dichiarato Fini nel suo discorso dedicato ai rapporti fra Stato e Chiesa -. Ed e' proprio in nome di tale principio che il Parlamento deve saper riconoscere il ruolo fondamentale che, nell'arco dei secoli, la religione cristiana ha avuto, e ha tuttora, nella formazione e nella difesa della identita' culturale della Nazione italiana".

 

''E' stato molto bravo'' ha commentato Silvio Berlusconi. Un discorso ''moderato, come si addice all'occasione'' ha dichiarato Umberto Bossi, leader della Lega.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -