Caso Cosentino, mercoledì il voto sulla sfiducia alla Camera

Caso Cosentino, mercoledì il voto sulla sfiducia alla Camera

Caso Cosentino, mercoledì il voto sulla sfiducia alla Camera

E' fissato per mercoledì sera o giovedì mattina il voto sulla mozione di sfiducia presentata da Partito democratico, Italia dei Valori e Udc nei confronti del sottosegretario all'Economia Nicola Cosentino (Pdl). La conferenza dei capigruppi alla Camera non era riuscita a trovare un accordo unitario per via della contrarietà di Lega Nord e Pdl, che volevano far slittare il voto a settembre. A quel punto è stato il presidente della Camera, Gianfranco Fini, ad imporre il calendario dei lavori, come previsto da regolamento.

 

Rinviata a settembre la discussione sull'altra mozione di sfiducia, quella sul sottosegretario alla Giustizia, Giacomo Caliendo. Sempre che non arrivino prima di allora le dimissioni, come precisato dal capogruppo Pd Dario Franceschini. Tecnicamente quella su Cosentino non è una richiesta di sfiducia (prevista solo per i ministri) ma un invito alle dimissioni e una richiesta di ritiro delle deleghe da parte del Governo.

 

Nel pomeriggio Cosentino si è presentato a Palazzo Chigi per un incontro con il premier Silvio Berlusconi. Poco prima nella sede del governo era arrivato anche il coordinatore del Pdl, Denis Verdini, a sua volta indagato per la vicenda ‘P3'. Subito dopo Cosentino, sono giunti Fabizio Cicchitto, capogruppo del Pdl alla Camera, e Gaetano Quagliariello, vice presidente dei senatori. E subito dopo il ministro Ignazio La Russa, anch'egli coordinatore del partito, e il presidente del gruppo al Senato, Maurizio Gasparri.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -