Caso Ruby, conflitto di attribuzione: la Camera voterà il 5 aprile

Caso Ruby, conflitto di attribuzione: la Camera voterà il 5 aprile

Caso Ruby, conflitto di attribuzione: la Camera voterà il 5 aprile

ROMA - Il conflitto di attribuzione sul cosiddetto "caso Ruby" nei confronti della Procura della Repubblica e del gip di Milano finisce nell'aula della Camera e sarà votato martedì prossimo alle 15. E' quanto ha stabilito la conferenza dei capigruppo di Montecitorio. La votazione dell'ufficio di presidenza sul conflitto di attribuzione è finito in parità: 9 a 9. "Alla luce del voto è ancor più necessario che sia l'assemblea ad esprimersi", ha commentato Fini.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il presidente della Camera non ha partecipato al voto, mentre era assente per motivi di salute Angelo Lombardo dell'Mpa. Durante la riunione che si è svolta mercoledì mattina all'ufficio di presidenza, il leader di Montecitorio ha illustrato le conclusioni a cui sono pervenute la Giunta per le autorizzazioni e la giunta per il regolamento, richiamando alcuni precedenti rispetto ai quali il "caso Ruby" si presenta per alcuni aspetti come un 'unicum'.

Nella sua relazione, il presidente della Camera ha rilevato come la composizione dell'Ufficio di presidenza veda di fatto la prevalenza numerica delle opposizioni rispetto alla maggioranza, il che costituisce un'"assoluta novità" rispetto ai precedenti in materia. Secondo Fini in quei casi non erano state avanzate richieste di sottoporre la questione all'Aula.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -