Caso Ruby, "no al conflitto di poteri"

Caso Ruby, "no al conflitto di poteri"

Caso Ruby, "no al conflitto di poteri"

La Procura di Milano si costituirà in udienza davanti alla Corte Costituzionale che dovrà decidere su conflitto di attribuzioni sollevato da Camera e Senato per il cosiddetto processo Ruby, nel quale il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è accusato di concussione e prostituzione minorile. Lo scopo è mantenere il processo a Milano dopo che Camera e Senato si sono rivolti alla Consulta per chiedere che della questione si occupi il Tribunale dei ministri.

 

Alla Corte Costituzionale Montecitorio ha chiesto di annullare tutti gli atti compiuti dalla magistratura del capoluogo lombardo in quanto "non spettava alla procura di Milano" avviare indagini nei confronti del premier in carica, nonchè procedere alla richiesta di giudizio immediato per concussione, "omettendo di trasmettere gli atti al collegio per i reati ministeriali".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -