Clima, a Copenaghen battaglia si fa dura

Clima, a Copenaghen battaglia si fa dura

Clima, a Copenaghen battaglia si fa dura

COPENAGHEN - Entra nel vivo il vertice sul clima a Copenaghen. Martedì è stata contestata la bozza danese di un testo di accordo che delinea l'obiettivo di un taglio delle emissioni globali nel più breve tempo possibile e comunque non oltre il 2020, riconoscendo che i Paesi sviluppati collettivamente hanno raggiunto il picco e che i Paesi in via di sviluppo raggiungeranno questo limite in più tempo, sostenendo l'obiettivo di una riduzione delle emissioni globali entro il 2050.

 

Un abbattimento di almeno il 50% rispetto al 1990, pari ad almeno il 58% rispetto al 2005. Tuttavia il processo di riduzione delle emissioni resterebbe comunque fatto su misura per i Paesi più ricchi, che manterrebbero diritti di emissione pro-capite doppi rispetto a quelli meno industrializzati. Inoltre, il controllo del rispetto del taglio delle emissioni nocive potrebbe essere avocato all'Onu e delegato ad un organismo nel quale i Paesi in via di sviluppo pensano di contare ancora meno che a Palazzo di vetro.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -