Consulta, stop a parlamentari-sindaci

Consulta, stop a parlamentari-sindaci

Consulta, stop a parlamentari-sindaci

Non ci sarà più doppio incarico per i parlamentari-sindaci. La Corte Costituzionale, decidendo sul caso Stancanelli, senatore del Pdl e sindaco di Catania, ha bocciato la legge n.60 del 1953, nella parte in cui non prevede l'incompatibilità tra la carica di parlamentare e quella di sindaco di un comune con più di 20mila abitanti. A sollevare la questione davanti alla Consulta è stato il caso di Salvatore Battaglia, un elettore che aveva fatto ricorso al Tribunale di Catania.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Raffaele Stancanelli, candidatosi a sindaco del capoluogo siciliano nel giugno del 2008, quindi dopo essere stato eletto due mesi prima senatore del Pdl, aveva mantenuto il doppio incarico. La decisione della Consulta ha valore per tutti quei parlamentari divenuti sindaci di grandi città e che dovranno dunque scegliere quale dei dunque incarichi mantenere. Il Pd intanto ha annunciato la revoca del ruolo parlamentare a tutti gli interessati nel partito

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -