Cosentino, la Camera dice no all'arresto

Cosentino, la Camera dice no all'arresto

Cosentino, la Camera dice no all'arresto

La giunta per le autorizzazioni di Montecitorio ha respinta la richiesta di arresto nei confronti del sottosegretario all'Economia, Nicola Cosentino, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. La proposta del relatore Nino Lo Presti di negare l'autorizzazione al Tribunale di Napoli è infatti stata approvata con 11 voti a favore, 6 contrari. C'è anche un astenuto, il radicale del Pd Maurizio Turco. La delibera della Giunta ora approderà in aula entro il 10 dicembre.

 

L'ultima parola su Cosentino spetta dunque all'assemblea di Montecitorio. Del caso si è discusso anche in Senato, chiamato a votare due mozioni presentate dall'opposizione che chiedevano le dimissioni di Cosentino. Entrambe sono state respinte. La mozione del Pd, che aveva come primo firmatario il vicecapogruppo Luigi Zanda, ha ottenuto 116 voti favorevoli, 165 contrari e 2 astenuti. Quella di Italia dei Valori, primo firmatario Felice Belisario, ha avuto 95 sì, 170 no e 17 astenuti.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -