Crisi libica, Frattini: ''Comando Nato o ritiriamo le basi''

Crisi libica, Frattini: ''Comando Nato o ritiriamo le basi''

Crisi libica, Frattini: ''Comando Nato o ritiriamo le basi''

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

BRUXELLES - Il ministro degli Esteri, Franco Frattini, ha auspicato che sia la Nato a prendere il comando delle operazioni militari contro il regime di Muammar Gheddafi pena il ritiro della disponibilità all'utilizzo delle basi italiane. Immediata la risposta del ministero francese della Difesa. "La Francia applica pienamente e unicamente la risoluzione 1973 delle Nazioni Unite, che corrisponde anche alla visione della diplomazia italiana", h detto il generale Philippe Ponthies.

Anche Londra ha auspicato che sia la Nato a prendere il comando delle operazioni. Ma secondo la Francia l'ipotesi di un comando affidato all'Alleanza atlantica non è realizzabile. "La Lega araba non vuole che le operazioni siano interamente messe sotto la responsabilità della Nato", ha sottolineato il ministro degli Esteri Alain Juppè al termine della Consiglio Ue con i colleghi dei 27.

Nel frattempo la Norvegia ha annunciato di aver sospeso la sua partecipazione alle operazioni militari in Libia finché non sarà chiarita la questione del comando.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -