Dall'Oregon la sfida alla natura: trans ''incinto''

Dall'Oregon la sfida alla natura: trans ''incinto''

Dall’Oregon l’incredibile storia di una donna, che fino a dieci anni fa si chiamava Tracy Lagondino, e che dopo aver deciso di diventare uomo per amore ha deciso di ricorrere all’inseminazione artificiale. Ora è “incinto” e si trova alla 22esima settimana di gestazione. Suscita curiosità e imbarazzo la notizia diffusa dal magazine per omosessuali “The Advocate”.

Tracy, ora Thomas Beatie, rappresenta il “primo caso di uomo incinto”. Il transessuale ha ha deciso di cambiar sesso dopo essersi accorto di esser omosessuale. Così ha deciso di sottoporsi ad un trattamento a base di testosterone e ad un intervento chirurgico per asportare il seno, mantenendo inalterato il suo apparato riproduttivo femminile. Cinque mesi fa ha deciso di soddisfare il suo desiderio di paternità (o maternità), facendo ricorso all’inseminazione artificiale: ora è “incinto” e si trova alla 22esima settimana di gestazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il transessuale, sentimentalmente impegnato con la compagna Nancy, è stato fotografato con tanto di barba e pancione. Il bambino, che nascerà tra la fine di giugno e l'inizio di luglio, sarà registrato all'anagrafe come figlio di Thomas Beatie, ma non si sa se Thomas potrà essere registrato come suo padre.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -