Ddl intercettazioni, rischio slittamento a settembre

Ddl intercettazioni, rischio slittamento a settembre

Ddl intercettazioni, rischio slittamento a settembre

La discussione sul famigerato ddl intercettazioni rischia di slittare a settembre: trascinando così una polemica politica ‘feroce' che sta paralizzando l'attività di partiti e parlamento. Il sottosegretario alla Giustizia, Giacomo Caliendo, ha spiegato che "ci serve maggiore tempo per scrivere un nuovo emendamento, che tenga conto non solo dei rilievi della maggioranza e dei finiani ma anche dell'opposizione. Non e' semplice". La seduta di martedì avrebbe dovuto concentrarsi sul giudizio del governo sui 600 emendamenti presentati dalla maggioranza e dall'opposizione. 

 

Invece a pochi istanti dall'avvio della riunione il tutto è slittato. Il capogruppo Pd nella seconda commissione di Montecitorio, Donatella Ferranti, ha dichiarato: "L'ennesimo slittamento dei lavori della Commissione Giustizia alla Camera dimostra che la maggioranza continua ad avere dei problemi. Vacilla''.

 

Dunque resta lontana l'ipotesi di un accordo politico sul testo, anche dentro alla stessa maggioranza: non va dimenticato, infatti, che la presidente della Commissione Giustizia alla Camera è l'avvocato Giulia Bongiorno, finiana di ferro e autorevolissimo esponente del Pdl.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -