Ddl lavoro, governo ko alla Camera: passa emendamento Pd

Ddl lavoro, governo ko alla Camera: passa emendamento Pd

Ddl lavoro, governo ko alla Camera: passa emendamento Pd

ROMA - Governo ko alla Camera per un emendamento al ddl lavoro del Pd collegato alla Finanziaria sul quale l'esecutivo aveva espresso parere contrario. Tale, approvato con 222 voti favorevoli e 214 contrari, sopprime alcune norme contenute nel decreto sul diritto allo studio, la valorizzazione del merito e la qualità del sistema universitario e della ricerca del 2008, relativo alle procedure di valutazione comparativa per il reclutamento dei ricercatori.

 

Per il Governo si tratta del 36esimo ko alla Camera dall'inizio della legislatura. Appena due settimane fa l'esecutivo era caduto su un emendamento del Pd riguardante le iniziative per favorire l'occupazione nel Mezzogiorno.

 

Con il voto di mercoledì, ha spiegato la capogruppo del Pd nella commissione cultura della Camera Manuela Ghizzoni, prima firmataria dell'emendamento, è stato "ottenuto che le risorse delle università rese disponibili dai pensionamenti vengano utilizzate per assumere ricercatori a tempo indeterminato e non per attivare i contratti di ricerca introdotti dalla legge Moratti nel 2005".  

 

"Insomma abbiamo ottenuto che a fronte dei pensionamenti vi siano 'posti sicuri' bocciando in questo modo anche la linea del ministro Gelmini'', ha aggiunto.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -