Decreto sviluppo, passa la fiducia con 317 sì

Decreto sviluppo, passa la fiducia con 317 sì

Decreto sviluppo, passa la fiducia con 317 sì

ROMA - Via libera dalla Camera alla fiducia posta dal governo sul maxiemendamento interamente sostitutivo del ddl di conversione del decreto Sviluppo. Nella votazione si sono registrati 317 sì, 293 no e due astenuti. È la prima volta che la maggioranza a Montecitorio, dopo l'uscita di Futuro e Libertà, ha superato quota 316. In precedenza era arrivata al massimo a quota 314, raggiunta sulla mozione di sfiducia del 14 dicembre e il 2 marzo scorso sul federalismo.

 

Presente anche il presidente del consiglio Silvio Berlusconi, che si è fermato solo pochi minuti alla Camera, giusto il tempo per entrare in aula e votare sulla questione di fiducia posta dal governo. Per Angelino Alfano la fiducia, passata "con numeri da maggioranza assoluta del plenum", è motivo di "soddisfazione per la prova di compattezza della maggioranza, l'ennesima da settembre, che dimostra la solidità della stessa".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non hanno votato èer Fli Francesco Di Vella, Gianfranco Paglia, Mirko Tremaglia e Andrea Ronchi. Tutti presenti i deputati della Lega, mentre per il Pdl mancava Carmelo Porcu (colpito da un lutto in famiglia). Alla maggioranza sono mancati anche i voti di Massimo Calearo e Calogero Mannino.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -