Dietrofront della Mussolini: ''Voterò la fiducia''. E bacia Cosentino

Dietrofront della Mussolini: ''Voterò la fiducia''. E bacia Cosentino

Dietrofront della Mussolini: ''Voterò la fiducia''. E bacia Cosentino

ROMA - Marcia indietro di Alessandra Mussolini. La deputata del Pdl ha annunciato che voterà la fiducia al governo Berlusconi il prossimo 14 dicembre. E per sancire la pace con i parlamentari campani (ad eccezione del ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna), la nipote del Duce ha baciato sulla bocca il coordinatore campano del Pdl, Nicola Consentino. "A nome di tutti ti manifesto la solidarietà per quanto accaduto", ha affermato Cosentino.

 

''E' stato un bacio di amore politico - ha commentato la Mussolini - Io poi sono una donna decisa, anche con mio marito, non ho aspettato che lui mi chiedesse di sposarlo, l'ho fatto io''. La deputata del Pdl è tornata ad attaccare la Carfagna: "Non si è mai visto nella storia un ministro per le Pari Opportunità contro le donne. Ho fatto un appello a Berlusconi dai microfoni di Striscia la notizia dicendogli di non farsi 'infinocchiare' da quella perché sta con Bocchino".

 

La Mussolini è tornata sul termine "vajassa", l'appellativo che le è stato dato dalla Carfagna in un'intervista rilasciata domenica scorsa al Mattino di Napioli. "E' il bue che da del cornuto all'asino - ha affermato la deputata del Pdl -. E poi anche le vaiasse votano. Il ministro delle Pari Opportunità dovrebbe difendere tutte le donne, anche quelle che vivono nei bassifondi e non solo quelle che dei piani alti. Non vi dico quanto ha strillato mia madre".

 

Nessuna reazione della Carfagna, che resta fedele alla sua linea: non rispondere alla Mussolini e mantenere viva la minaccia di dimissioni dal Pdl e dal governo se la sua istanza di rinnovamento e di democratizzazione del partito a livello locale, a spese del metodo Cosentino, non sarà tenuta nella giusta considerazione da Berlusconi e dai vertici del Pdl.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -