Disordini in Kosovo: attaccate le truppe Onu

Disordini in Kosovo: attaccate le truppe Onu

PRISTINA - Torna incandescente la situazione in Kosovo. Le Nazioni Unite hanno annunciato il ritiro della polizia internazionale dalla parte settentrionale di Kosovska Mitrovica (zona a predominio serbo), teatro di disordini e di scontri scoppiati questa mattina e nel corso dei quali ci sono stati feriti anche tra i soldati della Kfor e tra gli agenti della polizia Onu. "Si e' avuta notizia di presunti colpi di arma da fuoco contro la polizia Onu ed i militari della Kfor".


E’ di undici componenti delle forze dell’ordine feriti il bilancio dei disordini scoppiati lunedì a Kosovska Mitrovica, nel nord del Kosovo, a seguito dell'irruzione fatta da unità delle forze internazionali nell'edificio sede della corte distrettuale gestita dell'Onu ed occupato da venerdì da manifestanti serbi per protestare contro l’indipendenza dichiarata unilateralmente dal Kosovo lo scorso 17 febbraio. Nel corso dell’operazione sono stati arrestati 53 serbi, molti dei quali sarebbero ex dipendenti che hanno perso il lavoro alla fine della guerra in Kosovo nel 1999.


La folla dei manifestanti ha lanciato sassi e bombe incendiarie contro le forze internazionali danneggiando e dando alle fiamme diversi veicoli Onu e Kfor e ferendo i militari. Assaltato anche il convoglio Onu che trasportava i prigionieri catturati durante il blitz e una ventina di loro sarebbe riuscita a dileguarsi. Contro i manifestanti sono stati usati gas lacrimogeni e granate accecanti. Secondo fonti serbe almeno una ventina di manifestanti sarebbero rimasti feriti.



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -