Domenica di sangue in Iran, tra le vittime anche il nipote di Mousavi

Domenica di sangue in Iran, tra le vittime anche il nipote di Mousavi

Domenica di sangue in Iran, tra le vittime anche il nipote di Mousavi

TEHERAN - Quella di domenica è stata una giornata di sangue in Iran. Almeno una decina di dimostranti sono morti, stando a quanto riportato dai siti vicini all'opposizione, nel corso degli scontri tra manifestanti e polizia. Tra le vittime a Teheran c'è anche un nipote del leader riformista Mir Hossein Mousavi, il 35enne Sayed Ali Mousavi. L'uomo è stato colpito al cuore vicino piazza Enghelab ed è morto dopo essere stato trasportato all'ospedale Ebnesina.

 

Fra le vittime nella capitale ci sarebbe un uomo anziano, colpito alla fronte e trasportato via da altri manifestanti. L'opposizione contraria ad Mahmoud Ahmedinejad è scesa in piazza per la principale festività sciita che coincide con il settimo giorno di lutto per la morte dell'ayatollah dissidente Hossein Alì Montazeri. Scontri fra forze dell'ordine e oppositori sono in corso anche nella città di Isfahan, nel centro dell'Iran, e nella vicina Najafabad, città natale del grande ayatollah riformista Ali Montazeri. Sono 300 gli arresti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -