Elezioni, Berlusconi: ''Dovremmo fare anche sacrifici''

Elezioni, Berlusconi: ''Dovremmo fare anche sacrifici''

Non è un Berlusconi che promette miracoli, ma un uomo con i piedi per terra e consapevole delle difficoltà che attanagliano il nostro paese. Silvio Berlusconi dal salotto di “Porta a porta” rilancia il suo programma elettorale in vista delle elezioni del 13-14 aprile e si dice assolutamente fiducioso della vittoria finale del Popolo delle Libertà, il suo schieramento fondato con Gianfranco Fini e appoggiato esternamente da Lega Nord e Movimento per le autonomie di Lombardo.


"Sono assolutamente convinto che questa legge elettorale ci porterà ad avere oltre 70 deputati in più alla Camera e 30 e più senatori di maggioranza al Senato", ha subito chiarito Berlusconi a chi gli chiedeva quali effetti prevedesse con una consultazione elettorale basata sulla vigente norma elettorale.


L’ex premier ha insistito portando ad esempio alcuni sondaggi. "Se guardiamo le date dei sondaggi emerge che gli ultimi rilevamenti dimostrano che noi abbiamo un vantaggio del 10% perchè c'è stato un rallentamento del consenso verso la sinistra".


Riguardo alle azioni che compierà un suo eventuale governo, il Cavaliere ammette. “Dovremo intervenire sull'azienda Italia e questo comporterà dei sacrifici. Ma posso assicurare che il centrodestra non metterà mai le mani nelle tasche dei cittadini".


Poi il leader del Pdl aggiunge: “Agli italiani dico che siamo già in una profonda crisi, non solo italiana, ma mondiale. Chi si propone come leader non può non dirsene a conoscenza. Per quello che riguarda la piena attuazione del nostro programma ci sono vincoli che attengono alla situazione economica italiana e mondiale e alle disponibilità che emergeranno dopo le elezioni. Alcune cose le faremo e subito, altre sono direzioni di marcia che praticheremo solo se ci sarà la disponibilità".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -