Elezioni, Fini a Berlusconi: ''Ipotesi campata per aria''

Elezioni, Fini a Berlusconi: ''Ipotesi campata per aria''

Continua la ‘guerra’ a distanza tra il leader di Alleanza Nazionale, Gianfranco Fini, e il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi. Nel corso della registrazione della trasmissione di Bruno Vespa, ‘Porta a porta’, Fini ha definito l'idea del Cavaliere di andare al voto subito dopo la legge elettorale come “un'ipotesi campata per aria perchè se il Pd tiene fede a quello che ha detto, cioè fare piccole ed essenziali riforme istituzionali, non si va subito al voto”.


"Berlusconi - ha detto Fini - è stato ambiguo quando ha detto che e' archiviato il bipolarismo. Se vuole archiviare la legge elettorale, pronti a discuterne. Ma e' il sistema bipolare che non puo' essere archiviato. Ma anche con il proporzionale ci puo' essere il bipolarismo. Dire prima del voto con chi ci si allea sarebbe un elemento di chiarezza. Se poi c'e' anche l'indicazione del premier prima delle elezioni e' ancora meglio".


Fini ha criticato la scelta di Berlusconi di non costruire un dialogo con l’opposizione, mentre An “non si sottrarrà”, perché “se il governo continua a rimanere in carica, anche se per un solo voto, per quale motivo non si dovrà discutere anche di riforme?”. Il numero uno di via della Scrofa ha anche aggiunto che “non si può sostenere che Berlusconi e Veltroni vogliono essere i pilastri della politica italiana e mettere nell'angolo gli altri”. Per Fini fare politica “non è così semplice: non è la distribuzione delle carte a seconda del peso”.


Fini ha anche ribadito che “An è da sempre interessata ad un processo unitario del centrodestra”, ma “che si basi però su principi e valori. Era pronto a discuterne con Forza Italia ed è pronta a discuterne con il Pdl. Ma se Berlusconi pensa di portare gli elettori di Alleanza nazionale a votare il suo partito, si sbaglia in modo clamoroso”.


LA RISPOSTA DI BERLUSCONI - “Ne prendo atto, non rispondo mai niente a nessuno”. Così Silvio Berlusconi, al termine di una riunione con i parlamentari di Forza Italia ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano un commento alle parole di Gianfranco Fini che ritiene “campata in aria” l'ipotesi di legare l'approvazione della nuova legge elettorale alla garanzia di tornare subito dopo al voto. Il Cavaliere poi apre al dialogo con il leader del Pd, Walter Veltroni, sulla riforma elettorale.


“Per al seconda volta abbiamo cambiato il panorama politico, adesso viene il difficile”. Così si sarebbe espresso il leader degli azzurri durante la riunione dei parlamentari di Forza Italia in merito al nascente Partito popolare delle Libertà. Il Cavaliere ha spiegato che si è trattata di “una riunione per come organizzare il percorso verso un orizzonte di partecipazione della gente che credo sia assolutamente possibile ed auspicabile”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -