Elezioni, Genova resta al centrosinistra, Verona passa a destra

Elezioni, Genova resta al centrosinistra, Verona passa a destra

ROMA – Genova al centrosinistra, Verona torna alla Cdl, L’Aquila a sorpresa all’Unione. Sono solo alcuni dei principali risultati che stanno emergendo in queste ore al termine della due giorni di elezioni per il rinnovo di Comuni e province in tutta Italia. L’affluenza alle comunali è stata, a livello nazionale, del 73,95%, un dato in calo rispetto al 76,38% fatto registrare alle precedenti amministrative. Alle provinciali l’affluenza è stata del 58,08%, un dato in calo rispetto al 64,91% fatto registrare alle precedenti elezioni amministrative. Di seguito alcuni dei risultati principali.


GENOVA (Provinciali) - Quando sono state scrutinate 645 sezioni su 972 delle provinciali, a Genova i partiti della Cdl si attestano al momento al 47,7%% con la candidata Renata Oliveri. Renata Oliveri, impegnata in un vero e proprio testa a testa con il candidato presidente del centrosinistra Giovanni Alessandro Repetto, al momento al 47,3%.


GENOVA (Comunali) – Marta Vincenzi è il nuovo sindaco di Genova. Il verdetto definitivo è arrivato al termine dello spoglie di tutte le schede nelle 653 sezioni elettorali. La candidata di centrosinistra ha ottenuto il 51,2% dei voti. Battuto il rivale di centrodestra, Enrico Musso, fermatosi al 45,9%. Percentuali inferiori all’1% per gli altri otto candidati sindaco. Per il centrosinistra si tratta di una conferma.


ALESSANDRIA – Risultato definitivo: il candidato di centrodestra Piercarlo Fabbio si è aggiudicato le elezioni comunali ad Alessandria ottenendo il 63,0% dei voti. Battuta la rivale di centrosinistra, Mara Scagni, fermatasi al 33,6%.


ASTI – Giorgio Galvano, candidato di centrodestra, ha vinto le elezioni comunali ad Asti. Galvano ha ottenuto il 56,2% dei voti, mentre il rivale di centrosinistra Vittorio Voglino, ha raccolto il 34,2% dei consensi. Davide Arri dell’Udc, che ad Asti ha corso da sola, ha riscosso il 5,2% dei voti.


CUNEO – Affermazione del centrosinistra nel Comune di Cuneo. Il candidato sindaco Alberto Valmaggia, sostenuto da uno stuolo di liste civice tutte di area di centrosinistra, e dalla sinistra radicale, ha raccolto il 51,0% dei voti. Al secondo posto Carlo Alberto Parola, candidato del centrodestra, fermatosi al 37,0%. Terzo posto per Giuseppe Lauria con l’8,5%.


COMO – Conferma per il sindaco uscente Stefano Bruni alle elezioni comunali di Como. Il candidato del centrodestra ha ottenuto il 56,2% dei voti contro il 33,2 di Luca Gaffuri, lo sfidante di centrosinistra. Terzo classificato Giorgio Carcano, con il 9% dei voti.


MONZA – Il centrosinistra perde il sindaco nel Comune di Como. Michele Faglia, primo cittadino uscente, è stato battuto dal candidato di centrodestra, Marco Mariani, con il 53,5% dei voti. Il centrosinistra si è fermato al 41,6%. Al 2,3% la lista civica di Gian Pietro Mosca.


BELLUNO – Coferma per il centrodestra nel Comune di Belluno, dove il candidato sindaco Antonio Prade ha ottenuto l’elezione al primo turno con il 53,6% dei suffragi. La candidata del centrosinistra, Maria Cristina Zoleo, si è fermata al 42,3%. La lista civica di Luigi Roccon ha conquistato il 4,1% dei voti.


VERONA – Flavio Tosi, candidato sindaco del centrodestra a Verona, riconsegna al centrodestra una delle sue città ‘storiche’, Verona. Dopo la parentesi di cinque anni di governo del centrosinistra con il sindaco Paolo Zanotto, la Cdl si è ripresa di prepotenza il Comune ottenendo il 60,7% dei voti contro il modesto 33,9% dell’Unione, che aveva ricandidato il sindaco uscente.


GORIZIA – Dopo 30 sezioni scrutinate su 37, a Gorizia sembra certa la vittoria del candidato di centrodestra Ettore Romoli, che supera quelli del centrosinistra, che si era presentato diviso alle urne. Andrea Bellavite (sostenuto da Prc e altre liste locali di sinistra) ha ottenuto il 20,23%, il candidato dell’Ulivo, Giulio Mosetti, il 16,38%, mentre quello centristra sostenuto da Udeur, Italia di Mezzo e lista “Per Gorizia” ha riscosso il 6,16% dei consensi.


LA SPEZIA – Brivido per il Centrosinistra a La Spezia, dove il candidato sindaco Massimo Federici ha vinto con il 51,0% dei voti rischiando di dover ricorrere al ballottaggio. Gianluigi Burraffato, del centrodestra, si è fermato al 39,3% dei voti. Il 7,7% dei consensi è andato invece alla Lista Schiffini, che sosteneva il candidato sindaco Enrico Schiffini.


PIACENZA – Il sindaco uscente Roberto Reggi è riuscito solo a sfiorare la conferma (per la prima volta nella storia piacentina) a primo cittadino al primo turno. Il candidato del centrosinistra, infatti, ha ottenuto il 48,7% dei consensi, precedendo così il rivale di centrodestra Dario Squeri (44,3%).


Giovanni Gianni D’Amo, della Federazione dei Verdi, ha riscosso il 3,2% dei consensi, seguito da Rosarita Mannina (‘Partecipa Piacenza’, 1,7%) e da Maurizio Sessena (‘Esistenza civile’, 1,1%).


Giuseppe Pino De Rosa (Fiamma Tricolore, 0,5%) e Cristiano Conti (Democrazia cristiana, 0,4%) chiudono la lista


PARMA – Sarà il ballottaggio a decidere a Parma il nome del successore del sindaco uscente Elvio Ubaldi. Il candidato di centrodestra Pietro Vignali, con la lista “Per Parma con Ubaldi” si è fermato al 45,0% dei consensi. Lo sfidante, l’assessore regionale ai trasporti, Alfredo Peri, è arrivato al 37,6% dei voti. Buona performance per la candidata Maria Teresa Guarnieri, che ha raccolto il 7,5% dei consensi.


VICENZA (Provinciali) - In base alla quinta proiezione Consortium per la Rai con copertura del 90% delle amministrative alla Provincia di Vicenza è in testa Attilo Schneck, il candidato Presidente del centrodestra con il 62,8%, su Pietro Maria Collareda, candidato del centrosinistra con il 16,6%.


L’AQUILA - In base alla sesta proiezione Consortium per la Rai delle ore 20.57 con copertura dell'89% delle amministrative al Comune dell'Aquila, è in testa Massimo Cialente, il candidato sindaco del centrosinistra con il 52,8%, su Maurizio Leopardi, candidato del centrodestra con il 31,5%.


LUCCA - In base alla quinta proiezione Consortium per la Rai delle ore 20.57 con copertura del 45% delle amministrative al Comune di Lucca, è in testa Mauro Favilla, candidato sindaco del centrodestra con il 46,8%, su Andrea Tagliasacchi, il candidato del centrosinistra con 42,5%.


VERCELLI - Renzo Masoero e' il nuovo presidente della Provincia di Vercelli. Il candidato presidente della Cdl ha ottenuto 61.282 voti pari al 66,7%, distanziando il candidato presidente sostenuto dalle liste del centrosinistra, Francesco Carco', che ha avuto 26.089 voti pari al 28,4%.


GORIZIA - In base alla prima proiezione Consortium per la Rai delle amministrative al Comune di Gorizia, e' in testa Ettore Romoli, il candidato sindaco del centrodestra con il 47,7%, su Andrea Bellavite, candidato del centrosinistra con il 21,7%.


TARANTO - In base alla prima proiezione Consortium per Sky delle ore 18.45 delle amministrative al Comune di Taranto, e' in testa Ippazio Stefano, candidato sindaco del centrosinistra, con il 34,6, su Eugenio Introcaso, candidato del centrodestra, con il 21,4.


ANCONA - Quando sono state scrutinate 28 sezioni su 465 per l'elezione di presidente della Provincia di Ancona, la candidata dell'Ulivo Patrizia Esposto Casagrande fa registrare al momento il 52,51% dei voti con il 43,42% dei voti della candidata dei centrodestra Ivana Ballante.


COMO (Provinciali) - Quando sono state scrutinate 36 sezioni su 541 delle provinciali, a Como il candidato della Cdl Ambrogio Leonardo Carioni fa registrare al momento il 77,5% dei voti contro il 19,1% del candidato di Ulivo e Rifondazione Mauro Guerra. A seguire, molto distanziati, il candidato della Fiamma Tricolore Silvano Bussetti (1,6%), il candidato del Polo civico di centro Daniele Galimberti (1,3%) e il candidato del fronte Lombardia Como Provincia Autonoma Paolo Lazzati (0,3%).


CUNEO - Alberto Valmaggia, candidato sindaco al comune di Cuneo sostenuto da una serie di liste tra cui L'Ulivo, Idv e Rifondazione comunista, fa registrare il 50,6% dei voti quando sono state scrutinate 13 sezioni su 51. A seguire Alberto Carlo Parola, sostenuto da Fi, Udc, Lega, An ed altre liste con il 38,8%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CARRARA - Centrosinistra in vantaggio a Carrara. Quando sono state scrutinate 7 sezioni su 72, Angelo Zubbani, candidato sindaco del centrosinistra è al 58,78%; Simone Caffaz, candidato del centrodestra, è al 30,12%; Maria Mattei (lista Rinascita) è al 6,59%.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -