Emergenza profughi, Castelli (Lega) non esclude l'uso delle armi

Emergenza profughi, Castelli (Lega) non esclude l'uso delle armi

Emergenza profughi, Castelli (Lega) non esclude l'uso delle armi

ROMA - "Le violenze degli immigrati, che potrebbero diventare milioni nel corso del tempo, potrebbero obbligare le autorità ad usare le armi". E' il durissimo pensiero del viceministro alle Infrastrutture e ai Trasporti, Roberto Castelli, intervenendo alla trasmissione "Un Giorgio da Pecora" su Radio2 in merito alla questione dell'emergenza immigrazione. La frase ha subito scatenato durissime reazioni da parte dell'opposizione e anche la richiesta delle sue dimissioni.

 

Parla come un uomo di Neanderthal - ha affermato il presidente del gruppo Idv alla Camera, Massimo Donadi. -. Le sue parole sono un istigazione all'odio ed alla violenza. Frasi irresponsabili soprattutto se pronunciate da un uomo di governo". Emanuele Fiano, esponente del Pd, ha chiesto le dimissioni dell'ex ministo della Giustizia: "E' una vergogna dire quello che ha detto nei giorni in cui chiediamo alla Ue di comprendere le nostre ragioni".

 

Sull'emergenza profughi è intervenuta anche la chiesa: "Non c'è dubbio che l'Europa abbia profondamente deluso", ha detto il segretario di Stato Vaticano, Cardinale Tarcisio Bertone, a margine di un convegno. "Credo che i primi delusi sarebbero i padri fondatori dell'Europa - ha aggiunto - perchè l'Europa ha perso il suo spirito profondo di grande solidarietà". Bertone ha chiesto che l'Unione Europea "aiuti l'Italia".

 

Anche il presidente dell'Ue, Herman Van Rompuy e il premier greco, George Papandreou, hanno poi concordato sul fatto che sul fronte immigrazione "le misure dell'Ue non sono sufficienti". Il presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso, ha sollecitato un impegno concreto al premier tunisino Beji Caied Essebsi: "Ci aspettiamo dalla Tunisia un'azione forte e chiara nell'accettare il rinvio di propri cittadini che si trovano in maniera irregolare in Europa".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Europa è pronta ad aiutare Tunisi con mezzi supplementari, ha assicurato al termine dell'incontro, "ma è necessario che prima le autorità tunisine prendano impegni precisi". L'immigrazione, ha concluso, "deve essere vista come una sfida comune, una responsabilità condivisa".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -