Emergenza profughi, Maroni trova l'accordo con Tunisi

Emergenza profughi, Maroni trova l'accordo con Tunisi

Emergenza profughi, Maroni trova l'accordo con Tunisi

TUNISI - Trovato l'accordo tra Italia e Tunisia sulla gestione dell'emergenza immigrati. L'intesa è arrivata dopo quasi nove ore di colloqui tra il ministro degli Interni Roberto Maroni e il suo omologo tunisino. Quella di martedì è intanto ripresa l'ondata di sbarchi a Lampedusa (Agrigento) dove dalle 20 di lunedì sera e fino a alla mattinata sono 917 i migranti approdati e ospitati nel Cspa e nella ex base militare Loran. A Lampedusa ci sono circa 1.500.

 

Sono sette gli sbarchi che si sono susseguiti in 12 ore. Martedì sera sul primo barcone ne sono arrivati 99; 67 e 52 nei due episodi successivi. Negli ultimi giorni sono emerse posizioni divergenti nella maggioranza sulla gestione dell'emergenza immigrazione. Il leader della Lega, Umberto Bossi, ha sintetizzato così: "Dobbiamo chiedere il rubinetto e svuotare la vasca". "L'importante è che si sia mosso", ha detto il leader del Carroccio.


Il ministro Maroni si è detto "soddisfatto: è stato un lavoro lungo e non facile, ma il risultato è importante. Inizia una fase di cooperazione più intensa tra i due Paesi, che bisognerà attuare". Il ministro dell'Interno non ha indicato numeri e tempi dei rimpatri, spiegando che "è tutto contenuto nell'accordo che consegnerò al presidente del Consiglio Berlusconi".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -