Ex Jugoslavia, Martic condannato a 35 anni

Ex Jugoslavia, Martic condannato a 35 anni

L’AIA – L’ex presidente dell’autoproclamata nel 1991 Repubblica dei Serbi di Croazia, Milan Martic, responsabile di persecuzioni nei primi anni novanta in Croazia, è stato condannato dal tribunale penale internazionale (Tpi) per l’ex Jugoslavia a L'Aja (Olanda), a 35 anni di reclusione.


Il 62enne, presidente della Krajina, si era consegnato spontaneamente al Tpi nel 2002, è stato accusato di aver ordinato, nel maggio 1995, il bombardamento di Zagabria per ritorsione contro l'esercito croato che aveva attaccato la Repubblica dei Serbi di Croazia. In tale bombardamento morirono 7 civili

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'imputato doveva rispondere di responsabilità nella morte di civili nel corso di diversi bombardamenti nelle guerre di Croazia e di Bosnia, tra il 1991 ed il 1995. L’accusa aveva chiesto l’ergastolo, mentre Martic si è sempre dichiarato innocente.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -