Expo 2015, Berlusconi ridimensiona la polemica: ''Parole strumentalizzate''

Expo 2015, Berlusconi ridimensiona la polemica: ''Parole strumentalizzate''

Silvio Berlusconi getta acqua sul fuoco, ridimensionando la polemica nata con Romano Prodi in seguito all’assegnazione a Milano dell’Expo 2015. Il Cavaliere aveva commentato a caldo che “non era certo merito del governo di sinistra” se il capoluogo lombardo avesse ottenuto questo successo. “I giornali hanno strumentalizzato come sempre – ha dichiarato il candidato premier ai microfoni di “Radio 24” -, la mia è stata una semplice risposta ad una provocazione”.

“Sentirmi dire che tutto è solo merito di Prodi ha portato in me una logica reazione – ha confessato Berlusconi -. Io poi ho dato una mano alla signora Moratti intervenendo su moltissimi Paesi e facendo cambiare la propria posizione. Ho messo in campo la mia amicizia con tutti i capi di Stato”.


LA POLEMICA - La designazione di Milano a ospitare l'edizione 2015 dell'Esposizione universale (Expo) è divenuta terreno di scontro per Romano Prodi e Silvio Berlusconi. Se per il presidente del Consiglio uscente si tratta di una ''vittoria bella e chiara dell'Italia e del mio governo”, per il candidato premier del Pdl “non è merito del governo di sinistra”. “Non ci può far dimenticare tutte le difficoltà che ci troveremo ad affrontare una volta al governo” ha ricordato il Cavaliere.


“Amarezza e sconcerto" dal candidato premier del Pd Walter Veltroni "nel vedere che anche una grande vittoria "sia utilizzata per basse polemiche elettorali". "Questa vittoria dimostra come sia difficile battere l'Italia" ha commentato il ministro degli Esteri, Massimo D’Alema, che ha sottolineato come sia frutto "della nostra capacita' di fare sistema, delle nostre relazioni internazionali che sono molto forti. Siamo un osso duro e quando ci candidiamo da qualche parte e' molto difficile batterci e anche la Farnesina, da Roma, ha giocato la sua partita".


“Questa vittoria e' una grande soddisfazione per Milano, la Lombardia e tutta l'Italia. Personalmente provo una grande felicita', ma anche un senso di responsabilita' per i progetti che ora iniziano a svilupparsi” ha detto Letizia Moratti, sindaco di Milano. ''Gioia e soddisfazione'' per la vittoria di Milano e' stata espressa dal vicepresidente del Consiglio e ministro per i Beni e le Attivita' Culturali, Francesco Rutelli. ''Il governo ha collaborato - ha dichiarato Rutelli - con gli enti territoriali milanesi per il bene della citta' di Milano e del Paese. E' un buon esempio di leale collaborazione istituzionale che dovrebbe essere seguito tutte le volte in cui e' in causa il buon nome dell'Italia''.


''Abbiamo contribuito tutti alla formazione del consenso ed e' significativo che l'Italia goda di questa considerazione, frutto della politica internazionale di quest'ultimo periodo molto improntata alla pace e al dialogo'' ha manifestato la propria gioia Fausto Bertinotti. Il presidente della Camera auspica che ''l'Italia colga l'occasione''. In un mondo attraversato dalla globalizzazione, ''serve un grande progetto per uscire da questa crisi'', ha chiesto il candidato premier della Sinistra Arcobaleno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Immagine tratta dal web


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -