Faenza, elezioni 2010. Il comitato pro-Malpezzi replica a Minardi

Faenza, elezioni 2010. Il comitato pro-Malpezzi replica a Minardi

FAENZA - "Registriamo con simpatia la decisione degli spin doctor che tengono in vita la campagna elettorale di Gian Carlo Minardi di metterla in burla; avendo forse registrato l'impossibilità di far sembrare il proprio candidato competente su materie di cui pare piuttosto digiuno. In quest'ottica crediamo vada infatti intesa la brillante affermazione secondo cui Malpezzi avrebbe "svenduto" l'ospedale. Difficile capire come avrebbe fatto Malpezzi, non avendo ancora alcun incarico né politico né amministrativo, a realizzare questo misfatto".

 

E' quanto si legge in una ironica nota diffusa da "Insieme per Cambiare", comitato elettorale che appoggia Giovanni Malpezzi sindaco di Faenza.

 

"Mentre Gian Carlo Minardi ci pensa, ci permettiamo anche di sottoporre alla sua riflessione il suggestivo quesito di chi siano i suoi sponsor politici. Non saranno per caso quelle stesse forze politiche che, al Governo nazionale, stanno togliendo risorse al sistema sanitario in tutta Italia e quindi anche agli ospedali, tra cui quello di Faenza!?"

 

"Insieme per Cambiare - prosegue la nota - ha già detto in varie occasioni cosa farà per la sanità e l'ospedale faentino: il candidato Sindaco si impegna a vigilare affinché gli investimenti per la costruzione della corte est e del nuovo pronto soccorso abbiano pronta attuazione; assicura i faentini che il reparto di pediatria verrà salvaguardato; verrà anche riaperto, se necessario, il tavolo con l'Azienda Usl,  per garantire che le "unità complesse" siano adeguatamente presidiate nel nostro ospedale. Guarda caso è stato grazie Giovanni Malpezzi e non agli assenti se l'Assessore provinciale e il Comitato per la Pediatria hanno potuto aprire un tavolo di confronto e di soluzione dei problemi messi in campo. Infine un dettaglio parliamo sì di ospedale ma inseriamolo in un concetto più ampio che si chiama salute".

 

"L'amico Minardi, inoltre - si conclude la nota - in un momento libero in cui nessuno cerca di soffiargli nell'orecchio cosa debba dire, dovrebbe anche ricordare che quando a Faenza, nella sala del Consiglio Comunale, si è parlato di PAL - il Piano attuativo locale, lo strumento di programmazione per le politiche sanitarie del territorio - lui era assente. In che senso quest'assenza dovrebbe essere presa per un profondo interesse al problema in questione, resta da capire. Malpezzi invece c'era".

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -