Faenza, elezioni comunali. Minardi replica alla Cgil

Faenza, elezioni comunali. Minardi replica alla Cgil

FAENZA - In riferimento alla presa di posizione del sig. Idilio Galeotti, Coordinatore Cgil Area Faenza, apparsa sul sito Più Notizie riguardo le mie dichiarazioni sulla sconfitta delle frange estremiste che hanno di fatto mal gestito e messo in pericolo l'accordo per la continuità dell'Omsa rispondo che le lavoratrici, i lavoratori e le proprie famiglie sanno benissimo come si sono svolti i fatti e quale è stato il contributo che ho portato alla soluzione, perché di una prima soluzione positiva stiamo parlando, per il futuro di 350 nostri concittadini. Proprio perché non amo strumentalizzare i problemi ho scelto in questa campagna di non farmi vedere, come altri, presenzialista, ma di costruire con chi ha avuto realmente a cuore questa situazione (come tante altre che affliggono la nostra città) e di qualsiasi colore fosse, occasioni di reale sviluppo. 

 

L'ho detto subito e torno a ripeterlo: la ratifica dell'accordo raggiunto al Ministero, votata alla fine di febbraio e confermata nella votazione del 23 marzo, è stato un atto di grande responsabilità delle maestranze perché offre gli strumenti e il tempo a chi vuole il bene dell'Omsa e di Faenza di lavorare per arrivare a una soluzione positiva. Continuerò a impegnarmi, anche come imprenditore, perché oggi abbiamo davanti abbastanza tempo per fare ripartire l'Omsa, per fare convergere quegli investitori che in queste ultime settimane ho incontrato per realizzare un piano industriale serio, senza strumentalizzare un dramma che tante famiglie faentine stanno vivendo e che certa politica, da tempo, non poteva non conoscere. 

 

Voglio rassicurare poi il Sig. Galeotti che ho ben chiaro quali siano i gravi problemi produttivi e occupazionali del nostro territorio, così come so di quelli riguardanti la sicurezza, la salute e l'impoverimento progressivo del nostro ospedale sia in termini di prestazioni che di lavoratori. Così come sono al corrente della fatica che fanno le piccole imprese, gli agricoltori, gli artigiani e i commercianti della nostra cara Città. Così come quelle di famiglie e dei giovani. Per questa ragione ho accettato 40 giorni fa di scendere in campo, e ho da subito  cercato di mettere a frutto i tanti rapporti costruiti in questi anni con persone, imprese e istituzioni disposte ad investire sul futuro di Faenza.

 

Gent. Idilio, raccolgo con piacere la sua preoccupazione alla non strumentalizzazione della vicenda Omsa che mi trova pienamente d'accordo: se c'è qualcuno che in questa campagna elettorale non ha mai alzato i toni e non ha mai usato un linguaggio "cattivo" , sono io. Se non ho mai accettato operazioni di facciata, come invece hanno fatto i leader politici dei partiti che sostengono il  mio avversario, sfilando davanti al presidio delle lavoratrici dell'Omsa solo a fini elettorali, sono stato io e le forze che mi hanno sostenuto.

 

Pertanto spero di potere lavorare insieme a lei per il futuro di questa e di tutte le altre situazioni problematiche di Faenza, ognuno con la tenacia e la passione che lo contraddistigue, ma sempre orientata al futuro e al benessere della nostra città: lei da buon sindacalista e io da buon sindaco".

 

Gian Carlo Minardi, candidato sindaco a Faenza

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -