Finanziaria, Fini: ''No a fiducia su testo blindato''

Finanziaria, Fini: ''No a fiducia su testo blindato''

Finanziaria, Fini: ''No a fiducia su testo blindato''

ROMA - "Una cosa potrebbe mettere il presidente della Camera in grave difficoltà, se il voto di fiducia alla finanziaria venisse chiesto non su un testo che esce dalla commissione, bensì su un maxi emendamento del governo". È quanto ha affermato il presidente della Camera, Gianfranco Fini. "Il maxi emendamento - ha evidenziato - potrebbe anche essere fatto di concerto con la maggioranza, ma poi metterebbe il Parlamento in condizione di non poter intervenire su quel testo".

 

Il numero uno di Montecitorio ha aggiunto come "non tutte le fiducie hanno lo stesso impatto politico", spiegando che "un conto è mettere la fiducia su un testo uscito da una commissione, un conto è se viene messa su un testo che esce dal Consiglio dei ministri o dall'altra ramo del Parlamento". Secondo il presidente della Camera il problema è "da un punto di vista politico e del rapporto tra Parlamento e governo".

 

Fini è tornato anche ad affrontare il tema delle riforme e dell'assetto istituzionale: "Non è corretto dire che il presidenzialismo strisciante è un fenomeno degli ultimi tempi, anche se ora è più evidente per alcune decisioni prese", tuttavia pur "non considerando un fatto negativo il rafforzamento del potere esecutivo, così com'è oggi la situazione è un lusso che non possiamo permetterci".

 

Secondo il presidente della Camera è necessario "un ragionamento complessivo per trovare il bandolo della matassa", sottolineando il fatto che "a fronte di una modifica sostanziale dei rapporti tra potere esecutivo e potere legislativo oggi difettiamo di una modifica costituzionale che è più che mai attuale".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -