Forlì, ballottaggio: "I candidati dicano in anticipo i loro assessori"

Forlì, ballottaggio: "I candidati dicano in anticipo i loro assessori"

Ce la faremo! Entusiasmo e fiducia si mescolano sui volti delle persone  con cui mi capita di parlare in questi giorni e che hanno accompagnato Roberto Balzani durante i lunghi mesi di campagna elettorale. Non ci fermiamo certo qui,  prima del 21 giugno diventa quanto mai  necessario dimostrare la nostra capacità di rispondere, con intelligenza e razionalità, ai bisogni della comunità, senza trincerarsi dietro quelle logiche del muro contro muro che non tengono conto delle tensioni sociali più diffuse e delle domande più complesse e profonde intorno al futuro ed al ruolo stesso della nostra Città.

 

Il programma  della coalizione che sostiene Roberto Balzani e lo spirito che lo anima sono diversi da quello dell'opposizione: le differenze di approccio ai problemi ed il diverso bagaglio di valori e principi sono il sale della democrazia ed è bene che sulle differenze vi sia sempre chiarezza così come reciproco rispetto. Ora è tempo di andare oltre, per aprire una nuova stagione di programmazione che proietti la Città verso un ruolo strategico a livello provinciale, sviluppi una più forte identità, una maggiore forza attrattiva, una migliore qualità della vita, una più accentuata partecipazione.

 

 Il ballottaggio del 21 e 22 giugno vedrà come protagonisti Roberto Balzani e Alessandro Rondoni:ora è necessario riflettere e chiarire gli aspetti sui programmi e sui nomi. Anche dei futuri assessori che governeranno Forlì.  Per questo invito Balzani a rendere pubblici i nomi degli assessori che eventualmente porterebbe in Giunta prima della consultazione dei cittadini forlivesi,si tratta di una questione di chiarezza e di onestà verso gli elettori.

Roberto Casadei (Italia dei Valori)

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Roberto S
    Roberto S

    Rendere pubblici ora i nomi degli assessori... SI, Questa è una delle poche cose serie che ho ascoltato da 15 giorni a questa parte... Dico di più, ogni candidato dovrebbe impostare e rendere pubblica la propria squadra di assessori all'inizio della campagna elettorale, così giochi, giochini e giochetti sarebbero scoperti subito! Inoltre i cittadini potrebbero ascoltare direttamente i futuri responsabili del governo cittadino ed discutere in campagna elettorale con i "tecnici" in grado di approfondire il programma proposto dal candidato, proprio con chi poi andrà ad attuarlo... In questo modo non rimarrebbero solo parole o almeno si capirebbe chi mente chi bleffa e chi è serio!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -