Forlì,elezioni. Capacci (Rifondazione): "Comunisti contro altre privatizzazioni"

Forlì,elezioni. Capacci (Rifondazione): "Comunisti contro altre privatizzazioni"

Vi sono questioni che distinguono i comunisti da tutti gli altri soggetti politici, sia alleati sia avversari, una di queste è il giudizio sulle privatizzazioni dei beni pubblici di interesse generale. I Comunisti si battono perché restino pubblici, tutti gli altri partiti o liste civiche sono per privatizzarli o perlomeno sono possibilisti. Per la verità, molti oggi si dichiarano contrari o critici alle privatizzazioni fatte ieri (da loro stessi), come è nel caso di HERA, ma poi tornano sostenitori delle privatizzazioni che sono ancora da farsi, come è nel caso dell'IPAB "Pietro Zangheri", naturalmente ora, come allora, si afferma che è nell'interesse dei cittadini se li si priva dei loro beni pubblici.

 

Già molto se ne è andato, al momento il "bottino" più ambito è la Casa di Riposo "Zangheri" (capitale una decina di milioni), ma c'è un problema, la legge prevede che diventi una pubblica azienda, ma tutti, tranne Rifondazione Comunista (e la CGIL), sostengano la trasformazione in Fondazione, vale a dire in un istituto di diritto privato, nella disponibilità degli attuali soci della Casa di Riposo, soci che sono diventati tali col metodo della cooptazione in pratica si sono scelti l'un l'altro.  Dicono che sono lì per i loro meriti, parlano di donazioni, pubblichiamo allora questi meriti, facciamo conoscere alla città l'elenco di questi soci benefattori. Ma questo argomento pare sia tabù.

 

E' significativo che per quanto riguarda l'IPAB "Santarelli" che invece aveva tutte le caratteristiche di legge per diventare una fondazione, ma a differenza dello "Zangheri" aveva  anche un forte passivo, sia invece diventata una azienda pubblica e nessuno abbia alzato una voce di dissenso. Allora siamo alle solite: "perdite al pubblico, profitti ai privati". Si fa notare che se la Zangheri diventasse una fondazione il capitale gli sarebbe passato tal quale, invece di essere iscritto al patrimonio della Municipalità. Almeno con la privatizzazione di HERA il Comune ha venduto le azioni e incassato fondi che poi ha speso per la Città.

 

Lo "Zangheri" sta per diventare una azienda pubblica, lo afferma la legge, quindi non è oggetto di programma elettorale, ma sappiamo che le leggi quando sono sottoposte alla pressione di forti lobby diventano "flessibili, interpretabili", e in questo caso il gruppo d'interesse è fortissimo, unisce i vecchi poteri della città a chi si fa nuovo propugnatore della legalità e della trasparenza pubblica, una lobby che unisce vecchi partiti e nuove liste civiche.

 

E' significativo che solo Rifondazione Comunista in Consiglio Comunale abbia votato contro il documento che chiedeva la trasformazione in fondazione.  Rifondazione Comunista è un'altra cosa. Vigilerà che sulla Casa di Riposo si rispetti la legge, che un patrimonio pubblico rimanga nelle disponibilità della municipalità.

 

Palmiro Capacci, Candidato nelle liste

di Rifondazione Comunista

 

 

Commenti (7)

  • Avatar anonimo di internazionalista
    internazionalista

    Come quali sono le privatizzazioni che cito? …O non hai memoria oppure ti hanno incollato dei paraocchi… Comunque andiamo con ordine. Nel 1996-97 il PRC adottando la linea Cossutta-Bertinotti decise di influenzare le politiche del governo Prodi con un sostegno “esterno”. In quel lasso di tempo tra i tanti provvedimenti antioperai passò anche la Legge Bassanini (1997) che introduceva il cosiddetto”principio di sussidiarietà”… Oggi sappiamo bene come questa legge introdotta dal primo governo Prodi mascheri la privatizzazione dei servizi pubblici. Nello stesso periodo l’allora responsabile economico del PRC, Nerio Nesi, avviò i contatti con il governo per la privatizzazione di Stet, Enel ed Eni… Con il secondo governo Prodi (2006), dove il PRC era parte organica del governo, si è invece dato inizio alla privatizzazione di Fincantieri (i parlamentari del PRC votarono compatti il Dpef che prevedeva la quotazione di Fincantieri in Borsa)! Sul recente caso Alitalia la posizione del PRC era e rimane invece decisamente nebulosa. Tralascio le enormi responsabilità del PRC nella privatizzazione dei servizi attuate nei vari Comuni d’Italia, perché l’elenco sarebbe troppo lungo. Mi limito tuttavia a far notare che chi si oppone alle privatizzazione e poi condivide responsabilità di governo con chi ha costituito HERA e annuncia finanziamenti alle scuole private (!) o è in mala fede oppure è un pirla. Personalmente ritengo che la prima ipotesi sia più credibile…

  • Avatar anonimo di ruscelli luciano prc forlì
    ruscelli luciano prc forlì

    per pier tu sai cosa faceva alpina pier? sai che non ha nulla a che fare con l'acqua che al sud!!!!!! berlusconi privatizza

  • Avatar anonimo di ruscelli luciano prc forlì
    ruscelli luciano prc forlì

    quali sono internazionalista le privatizzazioni che citi?

  • Avatar anonimo di internazionalista
    internazionalista

    Non hanno davvero il senso del ridicolo sti rifondaroli! Si sono resi complici di tutte le politiche privatrizzatrici (sia nazionali che locali) e ancora parlano... Ci vuole una sinistra che non tradisce, non questi maneggioni anti-comunisti nella prassi. A lavorare buffoni!

  • Avatar anonimo di annibale
    annibale

    Purtroppo bisognerebbe rifondare anche rifondazione.... Ormai sono paggetti che cercano di essere cortigiani di qualche reuccio. Che nostalgia di Berlinguer...

  • Avatar anonimo di Paolo1
    Paolo1

    Esatto pier e a quanto pare tutti i dipendenti hanno abbandonato pure la CGIL per un altro sindacato.

  • Avatar anonimo di pier
    pier

    Infatti, s'è visto come Rifondazione si sia battuta per evitare che Alpina Acque venisse ceduta (per non dire regalata...) a privati...

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -