Forlì, elezioni. Casadei (Idv): "Habemus Ronde"

Forlì, elezioni. Casadei (Idv): "Habemus Ronde"

Abbiamo le ronde.  E adesso? Qualcuno ci spieghi cosa dovrebbero fare di diverso le ronde da tutti gli altri cittadini che, di fronte ad una situazione di pericolo, senza bisogno di riunirsi in associazioni non armate ancora oggi chiamano il 113 o il 112.


Credo sia molto difficile  astenersi dall'esprimere il proprio dissenso in merito all'istituzione delle ronde cittadine, previste dal Decreto Sicurezza. Un provvedimento che denota un approccio estemporaneo ed inadeguato al problema emergenziale dell'aumento di atti criminosi, come lo è stato il tentativo di utilizzare per la sicurezza interna i militari delle Forze Armate.
Alle emergenze non si può rispondere con slogan o colpi di ‘fiducia' ma attraverso una concertata azione di collaborazione con tutti i soggetti istituzionali presenti sul territorio, in grado anche di raccordare le tante associazioni di volontariato laiche e cattoliche che operano su diversi fronti. Non siamo nel Far-West, non servono ‘sceriffi' e chi opera ogni giorno sul territorio per amministrare regioni, province, città, questo dovrebbe saperlo bene.


Un buon decreto  sarebbe quello che mette, una volta per tutte, risorse a disposizione di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza e Polizie Locali. Solo se si va in questa direzione, c'e' davvero la possibilita' di dare ai cittadini più sicurezza ed una migliore qualita' della vita.


Roberto Casadei
Direttivo IDV Forlì

 
 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -