Forlì, elezioni. Il coordinatore dei Giovani Padani sostiene Vanetti (Lega Nord)

Forlì, elezioni. Il coordinatore dei Giovani Padani sostiene Vanetti (Lega Nord)

FORLI' - "Dopo tanti anni di malamministrazione della sinistra, anche a Forlì è necessario cambiare. E il cambiamento non può che essere rappresentato dai giovani e dal loro entusiasmo. Per questo la Lega Nord ha deciso di puntare su Stefano Vanetti, coordinatore nazionale in Romagna del  nostro movimento giovanile e pronto a far mettere la quinta alla città": Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e coordinatore federale del Movimento Giovani Padani, lancia così la candidatura di Stefano Vanetti alla carica di consigliere comunale a Forlì.


"Il nostro programma, anche in questa città, è innovativo e rivoluzionario. Vanetti - spiega il deputato leghista - si impegnerà per introdurre lo studio della lingua locale nelle scuole, consapevole dell'importanza di difendere la propria identità. Inoltre, in una città dove gli affitti rappresentano una voce pesante nei bilanci di ciascuno, sarà necessario prevedere dei fondi per le giovani coppie che cercano casa. In fine, Vanetti è ben consapevole che in una città dove il costo della vita è altissimo (Forlì è il settimo comune più caro del Paese) i salari differenziati territorialmente sono una via obbligata. Nell'attesa che il Governo, dietro la spinta della Lega, raggiunga anche questo obiettivo, il Comune di Forlì - conclude Grimoldi - si deve attivare per aiutare i giovani che si introducono per la prima volta nel mondo del lavoro. Programmi nuovi per una città che vuole e deve cambiare. Vanetti è il candidato giusto per la svolta!"

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di annibale
    annibale

    @ Gianluca C. ..in ogni pagina lo stesso intervento. Devi essere una persona molto monotona!!!

  • Avatar anonimo di Gianluca C.
    Gianluca C.

    Quindi se non ho inteso male il programma è: Gabbie salariali (ovvero imporre salari regionali alle multinazionali mentre in europa votate la Bolchestein), insegnamento della lingua Etrusca nelle scuole ( la vera identità romagnola) e inserire i giovani nelle aziende che li hanno appena licenziati senza ammortizzatori sociali. Credo sia il caso di interpellare un buon terapeuta.

  • Avatar anonimo di Gianluca C.
    Gianluca C.

    REGGIO EMILIA - Umberto Bossi scatenato contro Casini e l'Udc: "Casini è un pirla", è stato il lapidario commento del leader della Lega Nord a Reggio Emilia, quando gli hanno riferito un giudizio sul governo dell'ex-presidente della Camera. Casini, infatti, aveva detto che, mentre "Berlusconi chiacchiera, la Lega comanda". E,poco dopo, in un comizio, Bossi rincara la dose: "Non date un solo voto all'Udc e alle altre sigle. Questo è il passato che cerca di tornare. Quella parte merita solo legnate". Occhio cari amici padani che Bossi muore di infarto se sa che unioni fate a Forlì

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -