Forlì, elezioni. Le donne del Comune raccolgono firme contro 'Donne di Forlì'

Forlì, elezioni. Le donne del Comune raccolgono firme contro 'Donne di Forlì'

Forlì, elezioni. Le donne del Comune raccolgono firme contro 'Donne di Forlì'

FORLI' - Una petizione di donne dipendenti del Comune: è quella che è uscita dopo il confronto pubblico coi candidati sindaci di alcuni giorni fa, organizzato dai sindacati dell'ejnte municipale. Obiettivo della protesta è la candidata della lista 'Donne di Forlì', Noushin Mirshokraei, per l'invito, lamentano le organizzatrici della petizione, a "far carriera con le loro forze e non per i favori maschili".

 

All'iniziativa replica la candidata: "Avevo ragione. Balzani ha paura di me (e forse anche qualche altro uomo in attesa della sua distribuzione dei pani e delle poltrone). Ha aizzato tutte le donne del Pd contro di me. Sono arrivati a fare una petizione perché avrei detto, secondo loro, parole offensive. Che peccato, pensavo fossero più libere ma a quanto pare devono mostrare davanti a tutti (o almeno davanti a chi ha la coda di paglia) di propendere a suo favore".

 

Specifica poi la candidata a sindaco: "Come vedete, non esiste la solidarietà fra le donne. Questo è il dato più preoccupante: questo è vergognoso in un paese e in una città che si vanta di essere sulla strada giusta per la parità di genere. È questo alla base di tutta la vicenda ,perché altrimenti quandodicevo "care donne attive nell'amministrazione, siete il doppio ma tra i dirigenti siete la metà, cercate di prendervi forza e fare di più per ottenere di più senza dover diventare l'amante di qualcuno. nessuno la prendeva come un offesa,  perché tanto molto acutamente capiva e sapeva come storicamente funzionano le dinamiche partitiche e a quanti esempi questa mia frase poteva riferirsi".

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di Elena27
    Elena27

    E' triste vedere come la gente in questa città ha paura di qualsiasi cosa nuova. Noushin per sottolineare il problema esistente ha usato magari una piccola provocazione ...per far apprire gli occhi a volte servono i modi meno diplomatici, ma quelli che ha usato non sono offensivi.. offensiva è la disparità che esiste. Comportamento di queste persone che hanno usato loro tempo a raccogliere le firme contro la candidata Noushin Mirshokraei considero quindi patetico e infantile. Anche io sono una donna giovane e ambiziosa e voglio essere rappresentata da una persona che ha coraggio di cambiare le cose.

  • Avatar anonimo di mtvaccari
    mtvaccari

    (... continua...) Sono anche assolutamente orgogliosa di essere rappresentata da un candidato come Roberto Balzani perchè, avendo lavorato molto con lui in questi ultimi mesi, ho potuto constatare la sua capacità di valorizzare ed apprezzare le capacità e le competenze delle molte donne che si sono impegnate nel comitato e a supporto della sua candidatura. Ritengo che il punto di vista femminile, caratterizzato da una spiccata sensibilità agli aspetti umani delle vicende unita ad un forte senso di praticità, la capacità di unire cuore e mente tipica delle donne, possa dare un contributo significativo nella realizzazione di un progetto con una forte valenza ideale e al tempo stesso serio e concreto come quello del centro-sinistra per il Comune di Forlì. Maria Teresa Vaccari Candidata PD al Consiglio Comunale https://mariateresavaccari.myblog.it/

  • Avatar anonimo di mtvaccari
    mtvaccari

    IL PUNTO DI VISTA FEMMINILE Per motivi anagrafici, non ho vissuto in prima persona le grandi battaglie dell’emancipazione femminile che altre donne hanno fatto anche per me. La mia famiglia (nonostante le origini meridionali!) non ha mai fatto differenze nell’educazione tra me e mio fratello e mi ha sempre lasciato molta libertà di movimento, spesso di più delle mie amiche romagnole. Ho incontrato le prime difficoltà e le prime discriminazioni quando ho cominciato a lavorare. Sono un’informatica e nel mio campo sono impiegate molte donne, ma raramente raggiungono gli alti livelli decisionali. Quando partecipo a convegni e convention la presenza delle donne si può contare sulle dita di una mano. Come donna ho sempre dovuto faticare molto di più degli uomini per dimostrare le mie qualità e le mie competenze professionali e spesso le mie opinioni e le mie decisioni rimanevano inascoltate. Insomma, brava ragazza, grande lavoratrice, ma poi sono gli uomini che decidono. E l’incognita di un’eventuale maternità ti mette sempre su un gradino più basso nella scala dei valori. Ho vissuto sulla mia pelle la difficoltà di conciliare impegni familiari e lavoro fino a giungere alla scelta di intraprendere la libera professione e grazie ad internet e al telelavoro ora posso gestire il mio tempo con maggiore autonomia ed elasticità, con il prezioso sostegno di un marito dalla mentalità moderna e “paritaria”. Sono quindi contenta, per comunione di ideali oltre che per motivi personali, che esista una declinazione al femminile del programma di Roberto Balzani (che si può consultare sul sito www.balzanisindaco.it – Sezione “Il programma”), che, come è stato ben illustrato nell’incontro del 27 maggio organizzato dal coordinamento donne del PD, non è un capitolo a parte, isolato e a lato, ma è la valorizzazione di un’ottica di genere all’interno di un progetto di ampio respiro e grande rilancio della nostra città. (... continua...)

  • Avatar anonimo di pagnoncelli
    pagnoncelli

    questa volta sarà Alessandra_29 o thomas casadei a scrivere?

  • Avatar anonimo di Alessandra_29
    Alessandra_29

    povera Noushin Mirshokraei... balzani non aizza proprio nessuno, se ho capito bene la questione è lei che pretenderebbe di offendere decine e decine di persone che lavorano onestamente in comune senza che queste possano del tutto legittimamente difendersi da tali vergognosi attacchi. ma ci faccia il piacere, dica piuttosto cosa vuole fare per la città di forlì anzichè parlare di continuo contro le persone.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -