Forlì, elezioni. Tutti gli eletti nei consigli di circoscrizione

Forlì, elezioni. Tutti gli eletti nei consigli di circoscrizione

Forlì, elezioni. Tutti gli eletti nei consigli di circoscrizione

FORLI' - Sono stati attribuiti i seggi per i tre nuovi consigli di circoscrizione, la cui elezione è avvenuta contestualmente alle ultime elezioni amministrative: la maggioranza in tutti e tre i Consigli va al centro-sinistra, ma con un'incognita alla prima circoscrizione (centro storico e area nord della città), in cui di fatto c'è parità: dieci seggi al centro-sinistra e dieci all'opposizione. In termini assoluti, tra le tre circoscrizioni, 30 consiglieri vanno al Pd, 19 al PdL, 6 alla Lega Nord, 3 all'Italia dei Valori e 2 a DestinAzione Forlì.

 

Ecco quindi la ripartizione, circoscrizione per circoscrizione. Da rilevare l'en-plein di Tommaso Montebello, dell'Italia dei Valori, eletto consigliere comunale e consigliere di circoscrizione nella seconda e terza circoscrizione.

 

Prima circoscrizione (centro e area nord): 9 Pd, 1 Idv, 7 PdL, 2 Lega, 1 DestinAzione

PD: Montanari Manuela (146), Siboni Gianluca (134), Bacchi Federica (126), Zanetti Lodovico Detto Vico (110), Canali Andrea (99), Caldi Luca (72), Moretti Mario (71) Caselli Pier Luigi (67) Greggi Sara (62).

 

PDL: Pestelli Luca (274), Amadei Andrea (83), Mantellini Andrea (83), Gaudenzi Francesco (81), Angelini Roberto (78), Bertaccini Vittoria (70), Padovano Bruno (32).

 

Lega Nord: Campa Aldo (64), Fusconi Piero (29)

 

Destinazione Forlì: Cimatti Patrizia (32)

 

Italia dei Valori: Biserna Giancarlo (30)

 

Seconda circoscrizione (Ca' Ossi - Cava): 11 Pd, 1 Idv, 6 PdL, 2 Lega Nord

Pd: Marabini Giulio (358), Ravaioli Valentina (259), Sedioli Enrico  (234), Casadei Samanta (173), Cecchi Carla (171), Valli Maurizio (163), Collini Stefania (153), Milanesi Giuseppe (140), Tampieri Luciana (136), Fantuzzi Federico (125), Bicchietti Giorgio (107).

 

PdL: Caponetto Francesco Maria (63), Bagioni Marco (62), Campacci Paola (60), Martino Sara (50), Amadori Alex (50), Crescentini Elisa In Faggi (41)

 

Lega Nord: Mezzacapo Daniele (78), Leonardi Thomas (62)

 

Italia dei Valori: Montebello Tommaso (28)

 

Terza circoscrizione (Ronco, Coriano est, Cervese): 10 Pd, 1 Idv, 6 PdL, 2 Lega Nord, 1 DestinAzione

 Pd: Gaspari Dario (208), Ruffilli Jennifer (182), Benvenuti Andrea (169), Zattoni Katia (166), Preda Giuliano (153), Dall'ara Simona (135), Lelli Fabio (133), Godoli Silvia (130), Macheda Maria Francesca (109),
Zanoni Riccardo (91).

 

PdL: Petrocchi Alberto (123), Benericetti Alessandro (111), Fallacara Pierluigi (47), Frulli Valentina (34), Minutillo Davide (34), Bertaccini Vittoria (23).

 

Lega Nord: Vanetti Stefano (35), Cintorino Andrea (34)

 

Destinazione: Pantieri Enrico (15)

 

Italia dei Valori: Montebello Tommaso (16)

Commenti (18)

  • Avatar anonimo di Franz
    Franz

    Veramente, innominato, mi hai minacciato eccome di rimandarmi a casa mia nel commento in un altro articolo, quello della Pirini e delle sue ipotetiche alleanze. Guarda che sull'integrazione ti ho già dato ragione, certo che è sbagliato imporre di non usare il maiale negli asili, come dici tu è chi arriva a doversi adattare. Senza se e senza ma. Magari la mensa può offrire sia il maiale che l'alternativa al maiale. Perché no? Di laurea ne ho solo una, mi basta e mi avanza, le università di cui parlo non le ho frequentate tutte io, ma basta avere amici o parenti che hanno fatto l'università e io conosco gente di tutta Italia (e meno male, se no sai che palle) è come se tu mi parlassi di 15 paesi del mondo e io dessi per scontato che li hai visitati tutti.. Il mio lavoro? Mettiamola così, tutti i giorni tu e tutti gli altri utenti di questo sito, ma anche la tua famiglia interagite con il lavoro mio e dei miei colleghi. Sono un libero professionista ma come vedi mi piace anche togliere ore al sonno per parlare di vari argomenti perché per me questa è vita tanto quanto lavorare. Io non disprezzo nessuno, ma non metto neanche nessuno su un piedistallo, e certo che preferisco il mio modo di vivere a quello di altri, cosa c'è di male? Se vieni a pranzo a casa mia non t'aspettare che sia pronto alle 12.30 e mangi quello che cucino io (anzi, quello che abbiamo deciso insieme). A messa non ci vado, ma se ho ospite un amico che ci va gli lascio le chiavi di casa e continuo a dormire (e di certo non lo caccio di casa perché prega, basta che non voglia che mi unisca a lui) Se disprezzassi i romagnoli o i forlivesi non vivrei a Forlì, niente che non sia l'affetto e gli amici mi lega a questo luogo. Sai chi disprezzo? I razzisti e quelli che si credono fighi solo perché abitano in un posto. Il valore di una persona si vede in quello che fa, in come affronta la vita e in quali valori ha. Tutto il resto è contorno e spezie, buoni per insaporire, ma se non c'è la sostanza...

  • Avatar anonimo di innominato
    innominato

    franz bel discorso,ma non perdi occasione fra le righe per disprezzarci un po,12+5=17 bravo ma che lavoro fai, complimenti per le lauree visto le universita che ai frequentato ne devi avere diverse .nessuno inpone la piadina se mai ci vogliono inporre di non usare maiale nelle mense scolastiche ma non avendo figli che frequentano asili non ti tocca. (io per esempio non ho mai minacciato nessuno di rimandarlo a casa propria, per esempio) se mi sfidi io ti rispondo ciao senza rancore

  • Avatar anonimo di annibale
    annibale

    sono d'accordo con Franz.

  • Avatar anonimo di Franz
    Franz

    Aggiungo che hai ragione sui prof politicizzati, ma fidati che non sono solo di sinistra, in Romagna ed Emilia sicuramente sì, ma vai a Giurisprudenza in una facoltà del sud, dell'Abruzzo e di Roma e vedi quanti bei prof di destra, potrei portarti nomi e cognomi. Figurati che poi pure io ho passato i miei guai (roba da poco) perché per certi prof ex sessantottini non ero abbastanza di sinistra (penso tu abbia capito quanto io sono di sinistra, no? Solo che siccome non agito slogan a caso ma ragiono con la mia testa a loro non andavo bene...)

  • Avatar anonimo di Franz
    Franz

    Allora innominato, non devi dirmi o dimostrarmi quanto lavori, non ho dubbi che tu ti faccia un mazzo così ma anche io, credimi, ma non avendo famiglia mi avanza tempo per passeggiare la sera. La questione è altrettanto culturale e l'esempio del marocchino non c'entra nulla con quello che dici tu. Secondo te quindi iio non dovrei andare in giro la sera perché i forlivesi non lo fanno perché lavorano? Io preferisco lavorare la notte e passeggiare la sera, o pranzare alle 14 piuttosto che alle 12.30, è un problema? Questo fa di me un forlivese sbagliato? Ognuno fa il suo dovere come meglio crede e dammi retta, io ho proprio la coscienza pulita perché prima pago le tasse, poi l'affitto, poi le bollette e se mi avanzano i soldi faccio la spesa. Rispetto tutte le leggi e sono educato (su questo do tanti, ma tanti punti a molti romagnoli purosangue, io per esempio non ho mai minacciato nessuno di rimandarlo a casa propria, per esempio) più di questo non so che integrazione si voglia. Nessuno ha il diritto di dirmi che ne so, che siccome vivo a Fo deve piacermi di più la piadina che il cous cous (che per la cronaca non mi piace). Comunque la maggioranza dei forlivesi la sera sarà anche stanca, ma com'è che i locali sono sempre pieni? E le voci che sento passando hanno tutte l'accento romagnolo... i romagnoli lavorano duro e si divertono pure parecchio, e per questo che è un popolo che apprezzo molto, se no nn starei qua. Quanto ai fuori corso, tutti quelli che conosco io sono andati fuori corso perché nel frattempo lavoravano, e quindi si pagavano l'università da soli, facendo il mestiere che poi sarebbero andati a fare! Certo che ci sono i fannulloni, ma quello è un problema dell'università o della loro coscienza, io avevo capito che pensassi che i fuori corso non possono vivere a Fo (e infatti non capivo, ma pure io ogni tanto sono di legno, sono 12 ore che lavoro e ne ho almeno per altre 5 quindi...)

  • Avatar anonimo di innominato
    innominato

    mentre scrivo sto correndo sul tapirulan

  • Avatar anonimo di innominato
    innominato

    o ma qi siete tutti professoroni

  • Avatar anonimo di annibale
    annibale

    oh Innominato!!! Mi sa che tu non sia il vero... ma come cavolo scrivi??? Per capire si capisce, pero'!!!! Non e' che sei tu il marocchino che ha ripudiato la moglie?? giuro che mio figlio piccolo scrive con meno errori di te!!!! ...dai che hai fatto apposta.... altrimenti mi preoccupi!!!

  • Avatar anonimo di innominato
    innominato

    franz il problema e proprio li non siamo noi a dover integrare ma si deve integrare chi viene qi sia dal sud che dal'estero .vedi un ragazzo marocchino che lavora con me di buona cultura dopo anni a portato la moglie che in gravidanza per sua sfortuna a perso il bambino,il signore era molto dispiaciuto perche era maschioi non per la moglie o il figlio perso se era femmina andava bene , sai come e finita? riportata moglie in marocco ripudiata in attesa di conprarne un'altra ,posso dimostrare cio che dico . uno che a trentanni forlivese o no se non si e laureato non dovrebbe piu essere ammesso in universita. caro franz mia figlia in 4 superiore sta facendo uno stage alla bocconi oltre a uno stage aziendale le sue ferie estive si riducono a 15 giorni ma scommetto che prendera la laurea in breve tempo, le sue idee plitiche non sono proprio di sinistra e mi dice sempre che il problema sono i prof politicizzati nella maggioranza ex sessattottini e a capito subito che non doveva parlare di politica perche brava o no la sua media sarebbe calata ,vuoi sapere perche non passeggiamo in centro la sera?perche la maggioranza de forlivesi la sera e stanca dato che lavora anche fino a tardi

  • Avatar anonimo di annibale
    annibale

    Franz hai ragione, l'abitudine di frequentare il centro e' molto piu' sviluppata al sud. Infatti quando vado in Sicilia dai parenti della moglie ho notato la cosa.

  • Avatar anonimo di Franz
    Franz

    Ribadisco, qual è il problema dei fuori corso a 30 anni? Io lo sono stato fino a 28, e degli altri miei amici, quelli che hanno passato gli -enta fuoricorso sono quasi tutti forlivesi purosangue o comunque della provincia... meno due miei amici che sono uno comunque romagnolo e l'altro emiliano, ma comunque entrambi lavorano (e sono andati fuori corso Vado in piazza perché la piazza mi piace, forse anche per stupida nostalgia (ho vissuto in centro per anni). Se avessi voluto il verde sarei andato a vivere a Portico (il mio mestiere si può fare ovunque, basta che ci sia internet e no, non faccio il prostituto :D) e poi in piazza ci arrivo facilmente a piedi, per arrivare in altre zone più verdi (i parchi?) e più animate avrei bisogno di prendere l'auto. Apro una piccola parentesi che in realtà non c'entra un tubo con la politica, ma la domanda di annibale mi fa riflettere sul modo diverso (diverso, si badi, non sbagliato) di concepire una città. Per chi è nato nel centro-sud (oserei dire centro ancor di più;) si passeggia in città (quindi anche non nel verde) per il puro gusto di farlo, non solo per percorrere la strada che porta ad un locale o altro luogo. Questo è ancora più vero per chi viene da una grande città. Sospetto che quello che vale per il sud italia valga anche per altri paesi da cui provengono gli immigrati. Il che, lo ripeto per l'ennesima, NON vuol dire che i perdigiorno (di qualsiasi colore e razza) possano bighellonare tutto il giorno e bivaccare. Quelli danno fastidio anche a me e non dovrebbero esserci perché danneggiano la causa della multietnicità e dell'integrazione più di un plotone di neonazi armati fino ai denti :D

  • Avatar anonimo di annibale
    annibale

    Egregio Franz penso che gli studenti fuori sede non diano problemi. Innominato si riferiva a studenti fuori CORSO a 30 anni (deduco). Cmq. perche' andare a passeggiare in piazza di sera? Personalmente preferisco altre zone piu' verdi e animate.

  • Avatar anonimo di Franz
    Franz

    Sono un ex studente e libero professionista, lavoro da casa ma mi ritaglio qualche tempo per passeggiare in piazza, tipicamente di sera o al tramonto, in giro in genere la sera c'è un pubblico "normale" (anche di immigrati) durante il giorno so che molti si sono lamentati e credo che il problema esista (i forlivesi sono accoglienti e ospitali, non si inventano problemi dove non esistono, chiaro che accoglienti non vuol dire fessi). Ora però mi spieghi il problema degli studenti fuori sede, e bada veramente a cosa dici visto che a) stai praticamente parlando di molti miei amici e b) direi che con gli studenti fuorisede forlì c'è campata e cresciuta (sono qui dal 1994, dal 2005 residente. Almeno 6 famiglie con i soldi miei e dei miei amici ci hanno campato per un bel po' di annetti e ci campano tutt'ora, quindi...) Che problemi danno gli studenti fuori sede? Inquinano piazza saffi anche loro? Sono veramente curioso...

  • Avatar anonimo di innominato
    innominato

    io in centro lavoro e vedo tutti i giorni mentre io lavoro gente con birre in mano stesi negli scalini di poste saffi s'mercuriale e mi chiedo ma con cosa campano, non voglio fare di un erba un fascio pero.franz spero tu non sia uno studente fuori corso di anni 30 come molti pseudo studenti altrimenti pure tu sei un problema io non sopporto chi viene a rompere le balle negro o bianco che sia. vieni qi fai il tuo dovere e vedrai che nessuno avra niente da dire,noi in romagna siamo tendenzialmente pacifici ma occhio se ci rompiamo la storia insegna a forlimpopoli rubarono i maiali agli zingari

  • Avatar anonimo di Franz
    Franz

    Il centro di Forlì sarebbe meno una banlieu se i forlivesi fossero abituati ad andare in giro la sera e passeggiare, invece non ce ne vedi uno... Con questo non voglio dire che il problema immigrazione e clandestini NON esiste, esiste eccome, ma se un immigrato che lavora onestamente vuole passare la serata a pigliare aria in Piazza Saffi, qual è il problema (ribadisco, un immigrato REGOLARE e ONESTO)? Chissà se la lega dopo avere cacciato tutti gli immigrati se la prenderà anche con gli altri non forlivesi tipo gli studenti? In fondo molti (tra cui il sottoscritto) non sono di Razza Padana...

  • Avatar anonimo di Gavo
    Gavo

    Bravo Enrico!

  • Avatar anonimo di innominato
    innominato

    nel giro di pochi anni tutta forli sara ridotta a una bandeur come il centro e la lega fara il pieno, abito e gia molti compagni anno votato pd tappandosi il naso ,auguri balzani

  • Avatar anonimo di Brenno
    Brenno

    Per chiarezza: nella 1 gli eletti della Lega Nord sono Campa Aldo (64) e Stefano Vanetti (51). Vanetti dovrà scegliere tra la 1 e la 3 in quanto eletto in entrambe le circoscrizioni. Fusconi, invece, è stato eletto in Consiglio Comunale ...

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -