Fukushima, bloccata la fuga di acqua radioattiva. Ma la crisi continua

Fukushima, bloccata la fuga di acqua radioattiva. Ma la crisi continua

Fukushima, bloccata la fuga di acqua radioattiva. Ma la crisi continua

FUKUSHIMA - E' stata finalmente chiusa la falla dalla quale fuoriusciva acqua altamente radioattiva dal reattore numero 2 della centrale nucleare di Fukushima (danneggiata dal terremoto dell'11 marzo scorso) che si riservava nell'Oceano Pacifico. Per raggiungere l'obiettivo sono state effettuate delle iniezioni di "vetro solubile" (silicato di sodio). I precedenti tentati con cemento ed un mix di polimeri, carta di giornale e segatura erano tutti falliti.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora i tecnici devono riversare 11,5 milioni di litri di acqua contaminata direttamente in mare, i quanto non c'è sufficiente spazio di stoccaggio a disposizione nell'impianto. L'acqua è stata usata per raffreddare le barre di combustibile surriscaldate. In alcuni campioni di acqua utilizzata per raffreddare il reattore numero 2 sono stati rilevati livelli di radioattività 5 milioni di volte superiori al limite legale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -