Fukushima, nuovo allarme al reattore 3. 20mila morti

Fukushima, nuovo allarme al reattore 3. 20mila morti

Fukushima, nuovo allarme al reattore 3. 20mila morti

TOKYO - La centrale nucleare di Fukushima sarà disattivata dopo i gravi problemi causati dal sisma e dallo tsunami che hanno colpito il Giappone nord-orientale l'11 marzo. "Guardando oggettivamente alla situazione, è chiaro cosa fare", ha affermato il portavoce del governo, Yukio Edano. Intanto l'Agenzia per la sicurezza nucleare ha reso noto che la pressione all'interno del serbatoio di contenimento del reattore 3 della centrale nucleare è in aumento.

 

La Tepco, il gestore dell'impianto, si appresta ad aprire le valvole per ridurre i livelli di pressione con un'operazione che potrebbe "causare il rilascio di vapore radioattivo". Intanto si aggrava il bilancio dei morti: sulla base dei dati ufficiali forniti dalla polizia nazionale, le vittime sono salite a 8.133 unità e i dispersi a 12.272. Ma il bilancio è destinato a diventare ancora più pesante perché solo nella prefettura di Miyagi, la polizia locale ha detto di stimare più di 15.000 vittime.

 

Il ministero della Sanitá nipponico intanto ha ordinato lo stop della vendita di alimenti provenienti dalla prefettura di Fukushima dopo il rilevamento di radioattività in latte e spinaci prodotti nella zona della centrale nucleare. Piccolissime quantità di materiale radioattivo sono state rinvenute nell'acqua potabile di Gunma, la prefettura confinante con Fukushima. Resta da chiarire come le particelle radioattive abbiano raggiunto l'acqua.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -