Georgia, la Russia ritira le truppe. Conferenza a Ginevra

Georgia, la Russia ritira le truppe. Conferenza a Ginevra

Georgia, la Russia ritira le truppe. Conferenza a Ginevra

Si avvicina ua soluzione pacifica al conflitto tra Russia e Georgia scoppiato per il controllo di Ossezia e Abkhazia, le due regioni autonomiste al confine tra i due paesi. Il presidente francese Nicolas Sarkozy (presidente di turno della Ue) accompagnato dal presidente della Commissione europea Josè Manuel Barroso, ha incontrato il capo del Cremlino, Dmitri Medvedev. I militari russi lasceranno la Georgia e rientreranno a Mosca dieci giorni dopo l'arrivo degli osservatori internazionali.

 

L'arrivo degli osservatori, circa 200 agenti provenienti da diversi stati dell'Unione europea, è previsto entro il primo ottobre, mentre saranno già sul territorio quelli dell'Ocse. Un successo per il presidente Sarkozy, che in questo semestre di presidenza europea sta recuperando quel gap di immagine che accusa in Francia.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Medvedev ha annunciato che il 15 ottobre a Ginevra comincerà un "dibattito internazionale" sull'Ossezia del sud e sull'Abkhazia, mentre Sarkozy ha fatto sapere che i russi sposteranno i loro checkpoint attorno al porto georgiano di Poti entro una settimana ed entro un mese il ritiro (escluse Ossezia del Sud e Abkhazia) sarà completo. Il ritiro riguarda cinque posti di blocco lungo la strada tra Poti e Senaki.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -