Giustizia, Berlusconi accelera: ''Riforma pronta''

Giustizia, Berlusconi accelera: ''Riforma pronta''

Giustizia, Berlusconi accelera: ''Riforma pronta''

Da Silvio Berlusconi l'annuncio che la settimana prossima i cambiamenti che il governo vuole introdurre nel settore giustizia sono pronti a diventare legge. "Abbiamo lavorato con le altre forze del Parlamento per un accordo preventivo, la riforma sarà in Cdm la prossima settimana", ha affermato il premier. "Abbiamo un sistema di giustizia civile e penale con tempi incredibilmente lunghi, inaccettabili", ha proseguito. Ma Berlusconi aspetta "un accordo con tutte le forze politiche".

 

Il premier dunque accelera dopo il sostanziale accordo con i finiani sul Lodo Alfano ma poi torna all'attacco sulle intercettazioni. "Io - ha evidenziato a sindacati e Confindustria convocati a Palazzo Chigi per parlare di fisco -  vivo con grande difficoltà che non si possa più utilizzare il telefono. E' terribile essere in un Paese in cui non puoi avere la certezza di non essere intercettato. E' qualcosa a cui dovremo rimediare". 

E, a proposito di giustizia, è intervenuto anche il ministro della Giustizia, Angelino Alfano: "Stiamo lavorando a una riforma della Costituzione che va scritta con la dovuta ponderatezza, e noi crediamo di poter portare a compimento un buon lavoro che abbia come scopo quello di rendere più giusto il processo italiano, più funzionante la giustizia, più garantiti i cittadini, autonomi e indipendenti i magistrati giudicanti e inquirenti".

"La nostra riforma della giustizia non avrà nessuna istanza di ritorsione nei confronti della magistratura come la sinistra afferma pregiudizievolmente", ha aggiunto Alfano, parlando a margine dell'assemblea nazionale dell'Upi a Catania.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -