Gli Usa: ''Indagini penali su Wikileaks''

Gli Usa: ''Indagini penali su Wikileaks''

Gli Usa: ''Indagini penali su Wikileaks''

WASHINGTON - Gli Stati Uniti hanno avviato "indagini penali" su Wikileaks, il sito gestito da Julian Assange, che ha diffuso dei documenti segreti delle ambasciate americane. L'azione di Wikileaks, ha spiegato il ministro della Giustizia americano, Eric Holder, "ha messo in grave pericolo funzionari statunitensi in tutto il mondo". "Chiunque avrà violato la legge nella vicenda di Wikileaks sarà chiamato a rispondere delle sue responsabilità", ha aggiunto Holder.

 

I leader di tutto il mondo hanno reagito in modo differente alle rivelazioni di Wikileaks, Dall'Onu, tirato in ballo per il presunto spionaggio contro i suoi vertici e gli ambasciatori accreditati, il portavoce Farhan Haq ha rifiutato di fare commenti specifici, ma ha ricordato a Washington che le Nazioni Unite dovrebbero essere considerate inviolabili. "L'Onu", comunque, "non è in grado di commentare l'autenticità del documento".

 

Il governo della Germania ha condannato la pubblicazione da parte di Wikileaks di documenti confidenziali di diplomatici americani, pur ritenendo che queste rivelazioni non avranno conseguenze sulle relazioni tra Berlino e Washington. Gli Stati Uniti hanno fatto sapere che rivedranno le procedure per la gestione dei documenti riservati e l'Ufficio per la Gestione e il Bilancio ha ordinato un approfondito riesame della sicurezza delle informazioni in tutte le agenzie federali.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -