Governo, Berlusconi respinge le dimissioni. Vertice con Bossi

Governo, Berlusconi respinge le dimissioni. Vertice con Bossi

Governo, Berlusconi respinge le dimissioni. Vertice con Bossi

Le dimissioni sono "inaccettabili": è questa la linea che trapela dalle stanze in cui in queste ore Silvio Berlusconi sta incontrando i suoi più stretti collaboratori a seguito del durissimo discorso pronunciato domenica dal leader di Futuro e Libertà, Gianfranco Fini, che di fatto ha posto la parole fine all'esperienza del Pdl e probabilmente anche del governo. Su questo tema Berlusconi e Bossi stanno dialogando e confrontandosi ad Arcore, nel consueto vertice del lunedì.

 

Al summit con il premier hanno preso parte, oltre al Senatur, anche il governatore del Piemonte, Roberto Cota, i capigruppo del Carroccio di Camera e Senato, Marco Reguzzoni e Federico Bricolo, e la vice presidente del Senato, Rosi Mauro.

 

Secondo gli esperti delle alchimie parlamentari, nei prossimi giorni potrebbe succedere di tutto alle Camere. Al Senato è data per certa la migrazione di un senatore Pdl verso il gruppo di Futuro e Libertà, il che produrrebbe uno spostamento della maggioranza matematicamente certa per il premier (che oggi conterebbe su 161 senatori contro i 160 presunti oppositori). Altri, secondo i rumors, sarebbero pronti ad abbandonare il partito del predellino per approdare nel neonato soggetto politico finiano.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -