Governo, Berlusconi: sfiducia solo in Parlamento

Governo, Berlusconi: sfiducia solo in Parlamento

Governo, Berlusconi: sfiducia solo in Parlamento

ROMA - Dopo lo scivolone del governo a Montecitorio alla mozione sul trattato di Amicizia Italia-Libia, con i deputati di Futuro e Liberta' che fanno passare le mozioni dell'opposizione, il premier Silvio Berlusconi ha ribadito la sua intenzione ad andare avanti, dicendosi contrario ad una crisi pilotata. Nel caso di una crisi dell'esecutivo, sarebbe stato il ragionamento ribadito del Cavaliere, questa dovrà consumarsi in Parlamento, con un voto di sfiducia da parte dei finiani.

 

Berlusconi non investirebbe neanche troppe aspettative sull'incontro di giovedì mattina tra lo stesso Fini e il leader della Lega, Umberto Bossi. E che il faccia a faccia Fini-Bossi di giovedì non sarà risolutivo lo pensano anche dalle parti di Fli. Un deputato finiano ha rilevato che "se entro la settimana non succede qualcosa noi ritireremo la nostra delegazione dal governo così come abbiamo annunciato. E a quel punto siamo fuori".

 

Nel frattempo il Pd è tornato a ribadire la possibilità di presentare una mozione di sfiducia al governo: "Diamo mandato ai gruppi parlamentari di avviare iniziative utili a formalizzare la crisi - ha affermato il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani -. Discutendo naturalmente con le altre forze di opposizione".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -