Governo, i finiani: ''Uniti nella sfiducia''

Governo, i finiani: ''Uniti nella sfiducia''

Governo, i finiani: ''Uniti nella sfiducia''

ROMA - "Se Berlusconi non prenderà atto della necessità di aprire, attraverso le sue dimissioni, una nuova fase politica, Fli voterà la sfiducia". Recita così la nota del partito fondato da Gianfranco Fini in vista del 14 dicembre, quando il Parlamento sarà chiamato a votare la fiducia al governo Berlusconi. In merito ad un avvicinamento con il Pdl, il capogruppo alla Camera, Italo Bocchini, ha chiarito che ''al momento non mi sembra ci sia una trattativa in stato avanzato".

 

Qualcosa di più si conoscerà comunque nelle prossime ore. A stroncare l'ipotesi di una trattativa sarebbe stato Fini in persona lamentando la fuga di notizie sull'incontro tra il premier e Bocchino. Nel frattempo Domenico Scilipoti, Massimo Calearo e Bruno Cesario, hanno deciso di confluire in una nuova formazione denominata Movimento di responsabilità nazionale. Sulla questione è intervenuto il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani.

 

"Se ci si rivolge a parlamentari facendo opera di convinzione non solo sotto il profilo politico e culturale, ma anche a quello materiale siamo di fronte a uno scandalo o a un reato di corruzione?", ha affermato il leader dei democratici. "Questo lo vorrei chiedere ai commentatori e agli esperti - ha aggiunto - ho sentito voci che mi auguro infondate e che mi preoccupano per la salute della democrazia. C'è un'aria che suscita qualche inquietudine".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -