Honduras, il governo golpista sospende le garanzie istituzionali

Honduras, il governo golpista sospende le garanzie istituzionali

Tegucigalpa - Dal governo de facto dell'Honduras minacce alla rappresentanza diplomatica del Brasile, all'interno della quale ha trovato rifugio il presidente deposto Manuel Zelaya. Il governo ad interim ha dato 10 giorni dei tempo al Brasile per scegliere se concedere a Zelaya l'asilo politico o invece consegnarlo.

 

Parlando con i giornalisti nella capitale dell'Honduras, il ministro degli Esteri del governo che ha cacciato Zelaya il 28 giugno scorso costringendolo all'asilo ha dichiarato che se lo status di Zelaya non viene chiarito entro dieci giorni l'ambasciata perdera' i suoi requisiti diplomatici.

 

Il Brasile aveva gia' in precedenza chiarito che non intendeva accogliere una richiesta di definizione dello status di Zelaya. Ed il presidente brasilo'iano, Luiz Inacio Lula da Silva ha ricordato che la sede diplomatica e' tutelata dal diritto internazionale.

 

Intanto il governo golpista ha sospeso per i prossimi 45 giorni le garanzie costituzionali. In pratica, sono sospese la libertà di circolazione, di espressione e di riunione; inoltre è stato ordinato lo sgombero di tutte le istituzioni pubbliche occupate dai manifestanti, la chiusura dei mezzi di comunicazione che "attentano contro la legge" e l'arresto delle persone considerate sospette.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -