I finiani danno il ben servito a Berlusconi con le parole di Bossi

I finiani danno il ben servito a Berlusconi con le parole di Bossi

I finiani danno il ben servito a Berlusconi con le parole di Bossi

ROMA - La lettera di sfiducia a Silvio Berlusconi pubblicata dal sito di Generazione Italia? Una sorta di bluff. Il documento è infatti basato sulle parole pronunciate il 21 dicembre del 1994 da Umberto Bossi, quando annunciava la sua sfiducia al Cavaliere a pochi mesi di distanza dalla vittoria alle elezioni. L'ufficio stampa di Futuro e Libertà ha spiegato di aver usato quelle parole "per replicare alle accuse di tradimento che ci piovono addosso dal Pdl e dalla Lega Nord".

 

Nella missiva erano state usate parole durissime, cui segue un preciso messaggio che sembra pensato proprio per il dopo 14 dicembre, e invece era stato ritagliato per una crisi di 16 anni fa. Si parla di "patti non rispettati", come "l'immediata approvazione di una legge antitrust che eliminasse il monopolio di Mediaset e che favorisse il rinnovo strutturale della Rai restituendo ai media la loro libertà e democratica funzione per informare imparzialmente ed obiettivamente l'opinione pubblica".

 

"Lei - si legge nella lettera -  in campagna elettorale ha promesso di risolvere il secolare problema meridionale, di garantire la pace sociale, di sostenere la piccola e media impresa, di eliminare la partitocrazia e lo Stato padrone; di fare dell'Italia un grande paese ad ispirazione liberal-democratica". Ma "il suo Governo ha inteso la governabilità come fine a se stessa, il potere per il potere, la governabilità per la governabilità, un Governo non intenzionato ai cambiamenti, un Governo dei conflitti con la magistratura e con il sindacato, un governo del controllo dell'informazione".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -