I parlamentari frenano sul taglio delle indennità. Fini: "Lo faremo"

E' destinato a sollevare un autentico polverone il tentativo da parte dei parlamentari di bloccare la norma contenuta nella manovra del governo-Monti di rimandare il taglio delle indennità per i deputati e i senatori

E' destinato a sollevare un autentico polverone il tentativo da parte dei parlamentari di bloccare la norma contenuta nella manovra del governo-Monti di rimandare il taglio delle indennità per i deputati e i senatori. La notizia viene confermata direttamente dal presidente della Camera, Gianfranco Fini. Il quale spiega che è  "inappropriato" il tentativo del governo di riformare le indennità per decreto. 


La terza carica dello Stato assicura comunque che Montecitorio voglia far slittare il provvedimento. “Escludo che da parte del Parlamento – ha detto - ci possa essere un'azione dilatoria nei confronti dell'adeguamento del trattamento economico di deputati e senatori italiani alla media europea”. Il relatore della legge che contiene la manovra, il democratico Pier Paolo Barretta, fa sapere che “potrebbe arrivare un emendamento del governo o di noi relatori”.
 

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di lina
    lina

    Ma anche lo stipendio dei dipendenti statali dovrebbe seguire la media europea. Perchè non è così? Lasciate quindi che sia Monti a tagliarvi gli stipendi. Non lo fate? PERCHè SAPETE CHE PASSATO IL MOMENTO NON SE NE FARà PIù NIENTE!

  • Avatar anonimo di luca
    luca

    Per i vitalizi e gli sprechi di risorse i Politici,i Magistrati e gli alti vertici militari sono sotto torchio da tempo e temo che alcuni di questi parassiti spietati, per distogliere l'opignone  pubblica indignata, possano organizzare una strage di stato. Poiché al peggio non c'è mai fine....

  • Avatar anonimo di raffaele
    raffaele

    ce' poco da commentare fanno letteralmente pieta' i nostri politici 

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -