I vescovi: ''La Costituzione non è intoccabile''

I vescovi: ''La Costituzione non è intoccabile''

I vescovi: ''La Costituzione non è intoccabile''

L'"ineleggibilità di quanti hanno pendenze con la giustizia" e la questione del numero dei mandati. Sono queste le priorità da affrontare, secondo il documento conclusivo della 46/ma Settimana Sociale dei cattolici sottoposto al vaglio della Cei. Nel documento, presentato venerdì mattina, si chiede di "salvaguardare la democrazia". Democrazia interna ai partiti, lotta alla criminalità organizzata, legge elettorale-forma di governo e federalismo sono i punti individuati.

 

Durante la presentazione, nessuna valutazione nel merito della riforma costituzionale della giustizia annunciata dal governo ma una considerazione generale sul fatto che "la costituzione può ancora dare tanto al paese e ciò non significa che sia intoccabile". E' stato trattato il valore innegabile della Costituzione, "frutto di una esperienza esemplare di alto compromesso delle principali culture politiche del paese".

 

"Eventuali modifiche non devono stravolgerne l'impianto fondante definito innanzitutto nella prima parte", si legge nel documento. Nella "ricerca degli assetti sociali" per il futuro dell'Italia, e in particolare nell'ambito politico, servono "poteri limitati, che sui controllano reciprocamente, alla cui guida ci sia alternanza, e sull'esercizio dei quali il giudizio è rimesso ai cittadini".

 

Nella "revisione della legge elettorale", che è necessaria "a tutti i livelli e per tutte le istanze", "occorre dare all'elettore un reale potere di scelta e di controllo" e "bisogna anche affrontare la questione del numero dei mandati e dell'ineleggibilità di quanti hanno pendenze con la giustizia". Insomma, per i cattolici italiani "occorre salvaguardare la democrazia".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -